Lombardia, Fontana “Progetto Fili coniuga sostenibilità e mobilità”

BUSTO ARSIZIO (VARESE) – Tappa a Busto Arsizio, in piazza San Giovanni, per il road show di ‘Filì, uno dei più grandi progetti di rigenerazione urbana ed extraurbana in Europa. Fili vuol dire riqualificazione dei principali centri di connessione di Ferrovienord che si accompagna a interventi di ricucitura urbana con l’adozione di soluzioni all’avanguardia nel disegno architettonico e nella sostenibilità ambientale. Un progetto che interessa particolarmente il territorio di Busto Arsizio e di Malpensa, l’hub aeroportuale vicino alla città bustocca. Alla tappa di Busto Arsizio, parte di un tour di 16 tappe tra 2022 e 2023 ideato per permettere ai cittadini di conoscere più da vicino, anche attraverso un’esperienza immersiva e strumenti interattivi, i sei interventi che cambieranno il volto dell’asse Milano-Malpensa, inaugurazione dello stand ‘Fili: la Lombardia tesse il suo futurò. Presenti il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, l’assessore regionale a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, il presidente di FNM, Andrea Gibelli, il sindaco di Busto Arsizio, Emanuele Antonelli, la vicesindaco Manuela Maffioli, il consigliere regionale Emanuele Monti e l’eurodeputato Isabella Tovaglieri. Nel dibattito ‘Verso una nuova antropizzazione, le leve della Regione per lo sviluppo della mega city lombardà l’illustrazione delle progettualità con ampie ricadute sul territorio bustocco, cittadino e non solo. Fili è un imponente disegno di riqualificazione dei principali centri di connessione di Ferrovienord, che si accompagna a interventi di ricucitura urbana con l’adozione di soluzioni all’avanguardia nel disegno architettonico e nella sostenibilità ambientale. Il progetto interessa l’asse Milano-Malpensa, corridoio fondamentale per le Olimpiadi di Milano Cortina 2026, che si presenterà come un’intera arteria di nuovi scenari urbani verdi, moderni e ad alta vivibilità. I luoghi toccati dall’intervento saranno le stazioni di Milano Cadorna, Milano Bovisa, Polo di Saronno e Busto Arsizio e le aree adiacenti, con un intervento che arriverà a interessare progetti per un totale di 2 milioni di metri quadrati all’interno della Lombardia. Fili comprende inoltre la piantumazione di migliaia alberi in circa 41.000 ettari attraverso 24 Comuni, la creazione di una superstrada ciclabile di 54 km fra la stazione di Milano Cadorna e Malpensa e la realizzazione di una Foresta Sintetica Pensile presso la stazione Milano Cadorna, che produrrà ossigeno per la città di Milano. “Il progetto Fili – ha affermato il presidente Attilio Fontana – ha un valore strategico sia per quanto riguarda la mobilità, sia per ciò che concerne la rigenerazione urbana. Con Fili e con altri progetti che fanno riferimento a bandi regionali, Busto Arsizio diventerà una città ancora più bella. Ciò avverrà grazie a interventi che andranno a recuperare porzioni di territorio da troppo tempo abbandonate e degradate. Una serie di azioni che guardano alla sostenibilità ambientale senza mai perdere di vista le esigenze concrete e quotidiane dei nostri cittadini”. “Ogni nostro intervento – ha concluso il governatore – guarda al futuro con una visione ampia, a 360 gradi, per fare in modo che i lombardi possano godere di benefici ambientali, sociali ed economici”. “La ferrovia – ha quindi dichiarato l’assessore Claudia Maria Terzi – è un elemento simbolo dello sviluppo del territorio di una Lombardia che vuole essere sempre più policentrica. La ferrovia unisce infatti grandi, ma anche piccoli centri. Il progetto Fili, in questo caso, è un elemento di sviluppo all’insegna dell’innovazione e della modernità, un nuovo modo di concepire la nostra regione per un futuro che sarà sempre più sostenibile e sempre più verde”. “Dalle menti creative di Fontana e Gibelli – ha continuato – è quindi nato un progetto che non è solo un insieme di interventi di profonda ristrutturazione e rigenerazione urbana: Fili si traduce infatti anche in migliaia di alberi piantumati e in una pista ciclopedonale di 54 km che, di fatto, sarà una Ciclovia da inserire tra quelle nazionali”.(ITALPRESS).

Photo Credits: ufficio stampa Regione Lombardia