Lombardia, Gallera: insufficienti borse studio per medici base

Lzp

Milano, 10 giu. (askanews) - L'attuale ipotesi di riparto delle borse di studio per i Medici di base assegnerebbe alla Lombardia solo 131 posti base a concorso per il triennio 2020/2022. Secondo l'assessore al Welfare, Giulio Gallera, si tratta di "un numero decisamente insufficiente per la nostra regione alla luce del piano di rafforzamento della medicina territoriale al quale stiamo lavorando insieme anche ai rappresentanti degli Ordini dei medici, in linea con le disposizioni del Governo".

"Negli anni scorsi - spiega Gallera - il sistema di arruolamento dei Medici di medicina generale non riusciva nemmeno a garantire la sostituzione dei professionisti in pensione a causa di una sottostima delle borse di studio a livello nazionale. Un fenomeno, questo, che ha determinato addirittura la mancanza di adesioni ai bandi regionali per la copertura degli ambiti carenti. Nel 2017, pochi mesi dopo la mia nomina ad assessore al Welfare, in Lombardia i posti disponibili per il triennio formativo degli MMG erano 100. Grazie al lavoro messo a punto in sede di commissione Sanit della Conferenza delle Regioni, abbiamo ottenuto dal Governo un deciso cambio di passo e il finanziamento di nuove borse di studio, che per la nostra regione sono diventate 384 per i corsi in partenza nel 2018 e 350 per quelli del 2018".

Gallera, a fronte del rischio di una nuova riduzione del numero dei borsisti, ha rappresentato queste preoccupazioni in una nota che verr trasmessa al Ministro della Salute "sostenendo la necessit di poter disporre un numero adeguato di Medici di medicina generale per rafforzare i servizi sul territorio a partire dalla sorveglianza domiciliare e per incrementare la presenza delle Unit speciali di continuit assistenziale".

"Un finanziamento aggiuntivo di 15 milioni del fondo delle borse di studio a livello nazionale - spiega Gallera - potrebbe attivare quasi 1.200 opportunit in pi, che per la Lombardia si tradurrebbero in circa 200 posti ulteriori da mettere a concorso per il triennio 2020/2022".