Lombardia, Grimoldi post vertice: non si è parlato di rimpasto

Mch
·1 minuto per la lettura

Milano, 13 nov. (askanews) - "Non si è parlato di rimpasto si è parlato di questioni tecniche, comunicative, di ricominciare, Covid permettendo, a fare gli incontri tra il tavolo politico e la presidenza per implementare l'azione politico-amministrativa della Regione Lombardia". Lo ha spiegato il leader della Lega in Lombardia, Paolo Grimoldi, al termine del vertice di maggioranza tenutosi oggi al Pirellone e durato due ore e mezza. "Siamo orgogliosi di essere gli unici ad aver trovato 3,5 miliardi da investire sul nostro territorio, ma non abbiamo saputo comunicarlo abbastanza bene: vogliamo andare a tagliare i nastri di ogni singola strada asfaltata, panchina inaugurata e scuola sistemata". Nel corso del summit, ha assicurato Grimoldi, "il rimpasto non è stato un tema all'ordine del giorno, non avremmo avuto neanche gli elementi per parlare del rimpasto", così come non si sarebbe parlato di task force o supercommissario: "Queste sono sono sono questioni che approfondirà il tavolo politico nei prossimi mesi...". A proposito dell'assessore al Welfare Giulio Gallera, Grimoldi ha riconosciuto che l'esponente di Forza Italia "ha sempre fatto bene il suo il suo mestiere. Ovviamente anche lui si è trovato a gestire l'esplosione di una bomba nucleare, qui non è ordinaria amministrazione, qui è scoppiata la terza guerra mondiale e anche Gallera si è trovato a gestirla. E' facile dire poteva fare meglio, certo che poteva fare meglio, dopodiché si è trovato anche lui a gestore la terza guerra mondiale", ha concluso il leader della Lega in Lombardia.