In Lombardia le Rsa costano 24mila euro l’anno: +24% in 10 anni

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 apr. (askanews) - Ospitare un anziano in una Rsa Lombarda costa 24.500 euro l'anno, un totale in crescita del 24% negli ultimi dieci anni. E' quanto emerge dal report RSA della FNP CISL Lombardia, che esamina le 709 strutture di assistenza per anziani della regione. Negli ultimi 10 anni, viene sottolineato, le RSA sono aumentate di 10 unità e i posti letto abilitati sono 6.386 in più, con il costo finale a famiglia cresciuto di un quarto.

I posti letto autorizzati, notano gli analisti, sono 64.933 (+501 rispetto al 2019) che vengono messi sul mercato dalle 709 strutture sul territorio a 24.500 euro l'anno in media. Costo complessivo a carico delle famiglie è quindi di 1,6 miliardi, ma il prezzo può variare molto: si va da una retta minima media di 50,70 euro al giorno nella ATS Montagna ad una retta media massima di 93,29 euro giorno a Milano. "Alla quota alberghiera - ricorda la FNP CISL Lombardia - va aggiunta la quota sanitaria che paga regione Lombardia. Nei casi di persone indigenti che non possono pagare le rette delle RSA intervengono anche i Comuni lombardi, con una quota che non è stato possibile determinare con precisione ma in continuo aumento".

Emilio Didonè, segretario generale del sindacato pensionati della CISL lombarda, sottolinea preoccupazione: "Le rette e i servizi non sono omogenei tra le provincie. I posti letto con la compartecipazione pubblica della spesa sono diminuiti mentre sono aumentati i posti con rette a totale carico delle famiglie. Siamo di fronte a un quadro di offerta molto frammentato che non è in grado oggi di rispondere pienamente a una domanda di servizi in crescita continua. Manca - dice - una legge nazionale 'cornice' che entri nel merito della non autosufficienza, dei servizi minimi da garantire e di come garantirli. Senza una legge che chiediamo da tempo la sfida della non autosufficienza ha tutte le premesse per diventare una vera e propria bomba sociale".

Nella cura degli anziani ci sono anche gli assistenti familiari, ovvero le badanti. Quelli regolarmente assunti sono 74.413, il 40% del totale, mentre gli irregolari si aggirano oltre i 110.000, per un totale di quasi 190mila lavoratori. Il costo a carico della famiglia in questo caso è pari a circa 17mila lordi l'anno, si può valutare che il costo complessivo per tale comparto può arrivare a circa 3,2 miliardi di euro.