Lombardia: lotta fame, povertà disuguaglianza sotto target 2030

Lzp
·2 minuto per la lettura

Milano, 16 nov. (askanews) - Una serie di progetti per "imboccare da subito la strada della ripartenza" e la verifica annuale sul raggiungimento dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile o Sdg (Sustainable and Development Goals) fissati dall'Onu nell'Agenda 2030. E' il Rapporto Lombardia 2020, realizzato da Polis e giunto alla quarta edizione, che tiene però solo parzialmente conto degli effetti della pandemia perché ha come riferimento i dati del 2019. Solo nel Rapporto 2020 si potrà calcolare l'impatto del Covid e le previsioni sono di un peggioramento in 12 dei 17 obiettivi. Lo "Studio per la ripartenza", invece, è stato realizzato sulla base di 75 sondaggi svolti in tutte le province. Dall'analisi sui 17 obiettivi Sgs 2030 emerge che la Lombardia è migliorata rispetto al primo anno di osservazione in 9, in 3 è rimasta stabile (Acqua pulita e servizi igienico sanitari; Città e comunità sostenibili e Lotta al cambiamento climatico), mentre in 3 (Sconfiggere la povertà; Sconfiggere la fame; Ridurre le disuguaglianze), che sono anche quelle più direttamente colpite dalla pandemia, è peggiorata, mettendo a rischio il raggiungimento degli obiettivi 2030. "Indipendentemente dalla pandemia il raggiungimento degli obiettivi è troppo lento. C'è bisogno di cambiare marcia e in questo senso la pandemia può rappresentare un'opportunità. Lo sviluppo sostenibile va scelto, non accade per inerzia. Ed è un driver fondamentale per ripartire", ha dichiarato l'assessore all'Ambiente di Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo. Fra gli obiettivi peggiorati a causa del Covid, la lotta alla povertà ha registrato un punteggio di 97,3 (sopra 100 indica un miglioramento) ed è attesa in peggioramento "con possibili ripercussioni - si legge nel rapporto - sulla coesione sociale e sull'aumento della povertà in tutte le sue dimensioni, ponendo nuove sfide ai sistemi di welfare e alle misure di protezione sociale". L'obiettivo di lotta alla fame (punteggio 95,4) invece ha dovuto fare i conti con l'emergenza alimentare registrata nella prima fase della pandemia e contrastata con 55 milioni che la Lombardia ha ricevuto dalla Protezione Civile. Nella lotta alle disuguaglianze (punteggio 96,9) "il trend già non positivo del periodo antecedente l'emergenza Covid-19 potrà peggiorare, in particolare per le fascia di età 18-34 e per le donne, le cui dimissioni dai posti di lavoro sono raddoppiate nel periodo 2014-2019.