Lombardia, M5s chiede riduzione impatto agro-zootecnia intensiva

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 14 giu. (askanews) - Il consigliere regionale lombardo del M5s Roberto Cenci ha presentato in Consiglio Regionale un'interpellanza, attraverso la quale ha chiesto a Regione Lombardia di cominciare gradualmente a ridurre l'impatto ambientale delle attività agro-zootecniche intensive. "Al netto di come la si possa pensare è insostenibile la tesi ribadita in Aula dall'assessore Rolfi per cui i modelli estensivo e intensivo si equivalgano. L'approccio 'laico' di Regione Lombardia che ha confermato di lavarsene le mani e lasciare la scelta in mano ad aziende e mercato è totalmente priva di visione, oltre che insostenibile dal punto di vista ambientale".

"Gli allevamenti intensivi sono qualcosa di vergognoso, gli animali vengono torturati, privati del movimento e perfino della luce. Per metterli all'ingrasso continuiamo a sfruttare il suolo per coltivare il mangime da destinare agli allevamenti intensivi. La politica regionale oggi si è confermata cieca di fronte all'insostenibilità di allevamenti e culture intensive. Il cui mantenimento richiede non solo grandi quantità di acqua, incompatibile con l'attuale crisi idrica, ma comporta anche una radicale modifica dei nostri paesaggi la cui conseguenza è la perdita di biodiversità. Noi stiamo distruggendo l'ambiente per ingrassare gli animali, che teniamo chiusi in gabbie di dimensioni pari a un foglio A4. È assurdo. Per non parlare delle grandi quantità di medicinali con cui nutriamo gli animali e i pesticidi con cui infestiamo i campi" ha osservato l'esponente pentasetallato.

"Il mio appello a Regione Lombardia è quello di iniziare da oggi a cambiare registro, incominciare ad abbandonare allevamenti e coltivazioni intensive se vogliamo dare un futuro a chi verrà dopo di noi. Noi stiamo camminando in modo scorretto su questo pianeta. Non si cambia dall'oggi al domani, ma dobbiamo invertire la rotta. Purtroppo, la Giunta e la maggioranza di centrodestra che la sostiene non hanno voluto ascoltare" ha concluso Cenci.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli