Lombardia, M5S: "Ecco le 10 domande a Fontana"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Perché la Regione Lombardia ha chiesto con affidamento diretto la fornitura di camici proprio alla società del cognato e della moglie di Attilio Fontana? Perché Fontana avrebbe fatto un bonifico di 250mila euro al cognato se aveva dichiarato di non sapere nulla? Perché Fontana, Governatore di una regione italiana, possiede un conto in Svizzera, sul quale nel 2015 Fontana aveva fatto uno 'scudo fiscale' per 5,3 milioni detenuti fino ad allora da due 'trust' alle Bahamas?". Lo chiede su Facebook il MoVimento 5 Stelle.

"E proprio in merito ai paradisi fiscali, Fontana la pensa come il suo leader Matteo Salvini che nel 2015 tuonava sui social contro chi deteneva milioni sui conti in Svizzera mentre sembra aver cambiato opinione quando un'indagine coinvolge un leghista? Perché Fontana deteneva milioni di euro, frutto a quanto pare di un'eredità, depositati in paradisi fiscali? Fontana può spiegare se, quando si parla di questi milioni, si tratta di denaro nascosto e sottratto al fisco italiano?", incalza il M5S.

E ancora: "La Regione Lombardia ha stornato l'acquisto di camici in donazioni, come detto ovunque da Fontana e Salvini o, come riportato da alcuni organi di stampa, questo atto non è mai stato portato a termine? Perché Fontana, davanti al Consiglio Regionale, ha taciuto sul trust alle Bahamas? Perché Fontana ha cambiato versione da un giorno all'altro e ha mentito spudoratamente ai cittadini? Perché Fontana non prende atto del suo fallimento e si dimette immediatamente liberando i cittadini lombardi e salvando la reputazione e l'immagine della Lombardia?".