Lombardia, M5S: maggioranza impreparata per riforma della sanità

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 16 mar. (askanews) - "La maggioranza in Regione Lombardia è impreparata ad affrontare la riforma della sanità per i forti interessi politici ed economici che tocca". Lo ha detto Marco Fumagalli, consigliere regionale del M5S, nel suo intervento alla conferenza stampa con ACLI, ARCI, CGIL, M5S, PD, I Sentinelli, il Forum per il Diritto alla Salute Lombardia, Sinistra Italiana, Azione, + Europa e Articolo 1. "Il problema del rapporto con il privato è solo una parte del problema. Affrontare la riforma della legge 23, se non vuole essere un mero restyling, significa rivedere l'impostazione politica da Formigoni in poi e dell'abuso del concetto di sussidiarietà", ha detto.

Per Fumagalli è "molto interessante questa iniziativa unitaria della società civile e delle forze politiche di opposizione in Regione Lombardia. Come M5S cercheremo di portare in consiglio regionale le istanze che sono emerse nel dibattito a cominciare dalla modifica della Legge Maroni".

Il consigliere pentastellato ha detto che "gli errori in campo sanitario di oggi sono l'esito di una legislazione che ha portato alla progressiva privatizzazione di sanità, scuola e del mercato del lavoro. Questo modello deve essere rivisto, partendo dalla sanità, ma con una revisione condivisa dell'intero sistema lombardo. Abbiamo il dovere di dare una valida alternativa di governo ai cittadini".