Lombardia, M5s: no a autostrada Cremona-Mantova, altre le necessità

Asa
·2 minuto per la lettura

Milano, 26 ott. (askanews) - Dopo l'intervento del ministro Paola De Micheli, che ha definito il tratto autostradale Cremona-Mantova "un'opera non ancora cantierabile" i consiglieri pentastellati di Regione Lombardia, Marco Degli Angeli e Andrea Fiasconaro si dicono "preoccupati perché non si capisce cosa il Ministero, assieme a Regione, voglia fare in merito all'autostrada Cremona - Mantova e alle altre opere del nostro territorio". "Il ministro ai Trasporti Paola De Micheli - aggiungono - ha recentemente esposto delle dichiarazioni enigmatiche. Ed è proprio questo il motivo che ci anima ad andare a fondo della questione: l'ipotesi di mettere soldi pubblici su un'autostrada regionale privata, la cui progettualità è tutt'altro che sostenibili nonché impantanata da anni, ci convince poco e vogliamo vederci chiaro". I due consiglieri regionali, supportati dal deputato Zolezzi e dai colleghi emiliani spiegano: "Cosa ha in mente la De Micheli? Nel bel mezzo di una pandemia c'è ancora chi programma di spendere miliardi in autostrade anziché investire sulla riqualificazione di opere esistenti e implementare il trasporto pubblico locale: si investe solo nelle autostrade o si chiedono fondi statali per altri progetti scellerati come il Tibre autostradale, l'autostrada Mantova-Cremona o la Cispadana, che costano più del potenziamento ferroviario. Qui si fa fantapolitica e si gioca ad un Risiko finanziario quando la situazione di ponti, strade e ferrovie - puntualizza Degli Angeli - è particolarmente precaria". I due consigliere del M5S Lombardia preparano una mozione al Pirellone con l'obiettivo impegnare la Regione verso il Governo, nel mettere a disposizione fondi per la riqualificazione di strutture già esistenti, come ad esempio la ben nota SS 10, l'elettrificazione della Brescia/Parma e del completo raddoppio della Codogno Cremona Mantova, e non ultimo il prolungamento della metropolitana fino a Paullo per dar respiro al cremasco. "Questo momento di dibattito - precisano i due consiglieri pentastellati- può rappresentare per Regione un'opportunità per comprendere come mettere in campo i soldi del Ricovery Fund". Conclude il consigliere Degli Angeli: " deve essere chiaro il futuro che la giunta Fontana vuole dare al Sud della Lombardia. Se i piani della De Micheli e di alcuni poteri locali sono quelli di procedere verso una cementificazione folle".