Lombardia: Maran, 'primarie legittimano candidato, valore per tutti difenderle'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 14 nov. (Adnkronos) – "Mi sono candidato a presidente della Regione Lombardia ponendo come condizione per me imprescindibile la legittimazione di un voto alle primarie. Per me è una questione di merito e di metodo politico. Se ti votano i cittadini rispondi prioritariamente a loro, se ti indicano le segreterie di partito rispondi alle segreterie che ti hanno indicato. Le primarie sono mobilitazione e strumento di accesso alla proposta politica di migliaia di cittadini che, scegliendo il candidato, entrano a far parte di una comunità che ha l’obiettivo di portarlo alla vittoria". Lo afferma l'assessore milanese Pierfrancesco Maran, replicando a chi, da sabato scorso, giorni in cui ha ufficializzato la sua candidatura, ha criticato o non compreso la sua scelta.

"Oggi -osserva Maran- son successi due fatti nuovi: il primo è che Vittorio Agnoletto ha annunciato la sua disponibilità a partecipare alle primarie. Per me è una cosa bella, un bel segnale di allargamento possibile verso mondi che non guardano da tempo alla nostra coalizione. Significa certamente trovare punti di incontro nuovi ed è una disponibilità che nasce se c’è un percorso aperto che possa coinvolgerla, riconoscendosi anche nelle differenze di partenza".

Il secondo, invece, è che "Pierfrancesco Majorino ha indicato una proposta politica diversa da quella che ho presentato sabato, ma che è parimenti interessante".

"Son passati oggi 12 anni esatti dalle primarie di Boeri, Pisapia, Onida e Sacerdoti -ricorda l'esponente dem-. Quell’evento ha formato la nostra generazione politica, al punto che 5 anni dopo Majorino si candidò a luglio invocando le primarie che si sono tenute a febbraio. Io difesi strenuamente la sua posizione e il suo diritto a correre, pur appoggiando un altro candidato, perché credo che questo metodo di scelta consenta un sano confronto di idee e persone, e una strada per sanare eventuali divisioni".

"Oggi -sottolinea- lo strumento delle primarie è messo in discussione a ogni livello, non solo a queste Regionali, e io credo che sia un valore per tutti difenderlo. Io lo sto facendo, tante persone lo stanno facendo, mi piacerebbe quindi che tutti difendessimo questo modello di scelta. Se si ha una proposta alternativa, bene che questa venga sottoposta al giudizio delle primarie, che possono essere anche molto prima di fine dicembre". E dunque "io proseguo il mio percorso per #Cominciamodacapo con la tappa di Pavia. L’appuntamento è mercoledì sera e son molto felice di sapere che quel giorno interverrà anche Giuliano Pisapia".