Lombardia, nuovo ‘Blocco parto’ a Desenzano del Garda

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 1 set. (askanews) - E' stato inaugurato oggi dalla vicepresidente al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti, il nuovo 'Blocco parto' del presidio ospedaliero di Desenzano del Garda (Brescia), in località Montecroce. Il nuovo Blocco è ospitato nel sopralzo che accoglie il 'Blocco operatorio', collegato al reparto di Ostetricia, pure oggetto di interventi di restyling. Tutte le opere hanno avuto un valore di 7 milioni (di cui: 421.892 euro di Regione Lombardia e 6.936.422 euro dello Stato). Inoltre, 180.000 euro sono stati destinati all'acquisto di apparecchiature e arredi nuovi.

"Anche in questa realtà - ha detto l'assessore al Welfare Moratti - ho potuto constatare l'efficienza e la qualità degli interventi".

Il Blocco ha una superficie complessiva di 740 metri quadrati e si compone di: 3 sale parto, di cui una predisposta per l'assistenza al travaglio e parto in acqua; 1 sala operatoria, dedicata ai parti con taglio cesareo e ad eventuali emergenze ostetriche; 3 isole neonatali; 1 stanza a due letti per l'assistenza semi-intensiva riservata alle neo-mamme che necessitano di monitoraggio e osservazione prolungati dopo il parto, prima del trasferimento in reparto.

L'Asst del Garda è tra le più estese della Lombardia e abbraccia 76 Comuni, con un bacino di utenza di oltre 380mila residenti che si moltiplicano nella stagione turistica. Sul futuro dell'intera struttura ospedaliera la vicepresidente Moratti ha evidenziato come Regione Lombardia abbia già stanziato 110 milioni di euro e ha spiegato che "la realizzazione di una nuova struttura avanzata e più funzionale, agli stessi costi di una ristrutturazione completa, potrebbe anche diminuire i disagi e contenere il taglio dei servizi agli utenti". Per questo - ha concluso - "effettueremo i dovuti approfondimenti per decidere quale strada percorrere".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli