Lombardia: opere pubbliche, per i Comuni stanziati 100 mln (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Nello specifico, gli investimenti dovranno essere finalizzati alla messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico; alla messa in sicurezza di strade, ponti e viadotti nonché interventi sulla viabilità e sui trasporti anche con la finalità di ridurre l'inquinamento ambientale; alla messa in sicurezza degli edifici, con precedenza per gli edifici scolastici, e di altre strutture di proprietà dei Comuni; alla messa in sicurezza e allo sviluppo di sistemi di trasporto pubblico di massa finalizzati al trasferimento modale verso forme di mobilità maggiormente sostenibili e alla riduzione delle emissioni climalteranti; a progetti di rigenerazione urbana, riconversione energetica e utilizzo fonti rinnovabili; alla realizzazione di infrastrutture sociali; alle bonifiche ambientali dei siti inquinati; all'acquisto di impianti, macchinari, attrezzature tecnico-scientifiche, mezzi di trasporto e altri beni mobili a utilizzo pluriennale.

Il provvedimento approvato oggi in aula contiene e introduce anche altre novità di carattere finanziario. Autorizza Regione Lombardia ad acquisire da Intesa San Paolo e dalla sua controllata Ubi le azioni possedute in Pedemontana Lombarda per un valore di 62 milioni e 329mila euro pari a 62.329 azioni che si aggiungono alle 350mila già possedute e ridistribuisce sul trienno 2021-2023 il contributo di 4 milioni di euro assegnato alla Fondazione delle Stelline per spese di investimento, inizialmente programmate per il biennio 2021-2022.

Nella legge è contenuta inoltre una disposizione secondo la quale viene consentito ad Aler Milano di non restituire il finanziamento regionale pari a 3 milioni di euro ricevuto nel 2020, bensì di poterlo utilizzare per la conservazione e la manutenzione del proprio patrimonio. L’incremento della morosità generato dalla pandemia ha infatti prodotto lo scorso anno una contrazione degli introiti per Aler Milano superiore a 8 milioni e 300mila euro, cui si è aggiunto un incremento dell’esborso Imu nel 2020 superiore ai 10 milioni di euro, mettendo l’azienda milanese nell’impossibilità di onorare nei tempi previsti le rate di restituzione del finanziamento regionale. Il provvedimento concede anche una ulteriore garanzia in funzione dell’assegnazione dei Giochi Olimpici invernali del 2026 di 10 milioni di euro dal 2021 al 2026 a fronte di una somma annua già accantonata di 19milioni e 698mila euro.