Lombardia, Pd: supportare Comuni su minori affidati da Tribunali

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 3 ago. (askanews) - Oggi nel Consiglio regionale della Lombardia, in commissione sanità e welfare, durante la discussione della relazione valutativa della legge regionale in materia di servizi sociali, il Pd ha ottenuto l'impegno a incrementare le risorse regionali per sostenere le spese dei Comuni in favore dei minori affidati dal Tribunale, grazie a un voto bipartisan. Lo ha sottolineato in una nota il consigliere regionale del Pd Samuele Astuti.

Pochi giorni fa, ha ricordato, era stato bocciato un emendamento al bilancio regionale, sempre del Partito Democratico, sulla stessa materia, su indicazione dell'assessore regionale alla famiglia Alessandra Locatelli, della Lega, a cui ora Astuti si è rivolto per dare corso alla presa di posizione della commissione. "I Comuni sono in prima linea di fronte alle esigenze sociali dei loro concittadini - ha osservato - ma sono in grande difficoltà, sia per l'aumento di spese come quella dei minori a loro affidati, in modo totalmente aleatorio, sia per l'impoverimento delle risorse umane a disposizione, con la progressiva diminuzione degli assistenti sociali e la precarizzazione di questi ruoli".

"È un problema vero, perché i Comuni si possono trovare di punto in bianco con uno, due, tre minori affidati e le risorse a bilancio per le politiche sociali vengono prosciugate, mentre il sindaco non ha nemmeno più il personale di supporto su cui poter contare. Non esiste, infatti, un fondo specifico a cui attingere per queste spese, e certamente le altre esigenze sociali non diminuiscono. L'assessore regionale Locatelli ascolti questa legittima richiesta dei comuni e dia corso a quanto tutte le forze politiche, su iniziativa del Pd, oggi hanno rivolto alla giunta regionale e al suo assessorato" ha aggiunto.

La spesa sociale dei comuni lombardi ammonta a 1,6 miliardi di euro di cui circa il 43% nel territorio della città metropolitana di Milano. La quota maggiore è destinata a minori e famiglie, con un'incidenza del 35 - 36%, molto più di quanto si spenda per i disabili (22%) o per gli anziani (8,6%). A pesare in modo particolare sulle casse dei comuni, grandi e piccoli, in modo casuale e non proporzionale alle relative risorse, sono i minori affidati dai tribunali, per i quali le amministrazioni devono farsi carico di una parte o di tutte le spese, con importi che arrivano facilmente a 30 o 40mila euro l'anno a minore in caso, frequente, di affidamento a comunità. Cifre molto importanti per i comuni, che fanno fronte alle spese sociali con risorse proprie per i tre quarti del totale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli