Lombardia, Pirellone dà via libera a Osservatorio cristianofobia

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 26 gen. (askanews) - "Istituire un Osservatorio sulla cristianofobia che tenga monitorata, in Lombardia, la dimensione del fenomeno, ne accerti le origini, individui eventuali passi da compiere per arginarlo e suggerisca contributi per prevenire la violenza contro i Cristiani allo scopo di favorire la libertà religiosa e fare luce su un pericolo troppo spesso sottovalutato". E' quanto chiede la mozione presentata dal Consigliere Luca Del Gobbo (Noi con l'Italia) approvata all'unanimità nel corso della ripresa pomeridiana dei lavori del Consiglio regionale.

Nel testo vene ricordato che "nel mondo 260 milioni di persone sono perseguitate a causa della fede cristiana e che nel 2019 i morti sono stati 2.983". A questo computo si aggiungono "le oltre 9.400 chiese ed edifici connessi attaccati, demoliti o chiusi, mentre i casi di abusi subiti da donne hanno raggiunto il numero di 8.537".

Il nostro continente, ha detto Del Gobbo, "affonda le sue radici nel Cristianesimo da cui derivano valori imprescindibili per vivere oggi e sempre". Parole sottoscritte dalla Consigliera di FDI Barbara Mazzali: "Ogni attacco al Cristianesimo - ha fatto notare - è un attacco a tutti noi, alla nostra storia e cultura". Della stessa opinione la Lega che con il Consigliere Massimiliano Bastoni ha sottolineato come le aggressioni ai cristiani e ai loro simboli, come quelle che patiscono gli ebrei, non siano "un fenomeno circoscritto solo ai paesi africani o asiatici, ma purtroppo sono un fenomeno crescente anche in Europa e nel mondo occidentale. Non bisogna abbassare la guardia. Creare un Osservatorio - ha dichiarato l'esponente del Carroccio - non è solo utile, ma assolutamente necessario". A favore della proposta si è espresso l'assessore alla Cultura della Regione Stefano Bruno Galli, che ha proposto di estendere il monitoraggio dell'Osservatorio anche ai fenomeni di antisemitismo. Ipotesi che è stata raccolta e sottoscritta dal promotore della mozione.