Lombardia, Piscina(Lega): da sinistra menzogne su futuro Parco Sud

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 5 mag. (askanews) - "Non stupisce che i soliti sindaci di sinistra facciano copia e incolla delle vecchie lettere e ne firmino una sul Parco Agricolo Sud, col solito metodo diffamatorio al quale ci hanno abituato. Si tratta della solita retorica del Pd che pur di tacciare Regione Lombardia di ogni male è disposta a vendere la pelle e inventarsi qualsiasi menzogna". Lo ha scritto in una nota il capogruppo della Lega in Città Metropolitana e vicecommissario milanese del movimento politico, interviene Samuele Piscina, in relazione al progetto di revisione della governance del Parco Agricolo Sud Milano (Pasm).

"Diciamolo chiaramente: come chiunque può leggere nel Progetto di Legge regionale, nessun Comune verrà esautorato dal suo ruolo nella governance del Parco, al contrario di ciò che sta tentando di fare Città Metropolitana nella gestione d'Idroscalo. È quindi singolare che dei sindaci, in malafede o per ignoranza, inviino una lettera, indirizzata al Governatore Fontana, di contrarietà alla proposta che, citando il comunicato stampa, a loro giudizio 'prevede la sottrazione della gestione del Parco Agricolo Sud Milano ai Comuni'. Al contrario, la proposta prevede la preservazione del ruolo determinante dei Comuni, addirittura aumentandone le quote del parco da 0,15 a 0,40 per abitante, affida a Regione Lombardia l'onere di versare più risorse economiche per una maggiorazione pari a 300.000 euro e sopprime una bella fetta di burocrazia metropolitana, ai sensi del Titolo V della Costituzione".

"Le menzogne si riscontrano anche nell'accusa di una fantomatica cementificazione del parco. Ricordiamo agli amministratori, incapaci o in malafede, che sono i Comuni a stabilire il piano regolatore e quindi a stabilire dove si può o meno costruire". "Regione Lombardia corre in soccorso degli agricoltori, costretti oggi a destreggiarsi tra la burocrazia di Città Metropolitana, colpevole di metterci anche due anni per dare semplici risposte. L'unica ragione che porta la sinistra a criticare la proposta di Legge sono le poltrone che non potrebbero più elargire in Città Metropolitana, questione ben più venale della corretta gestione del parco sulla quale ha dimostrato di non essere adeguatamente capace" ha concluso l'esponente leghista sottolineando che "il cambio di rotta è necessario, puntiamo a una gestione più snella e vicina alle esigenze degli agricoltori".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli