Lombardia, Regione verso nuovo modello di gestione dell’affido

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 1 giu. (askanews) - La Regione Lombardia he scelto di definire, insieme alle associazioni, un nuovo modello di gestione dell'affido che tenga conto delle difficoltà e delle implicazioni che questa decisione comporta nella vita di una famiglia. Per questo stamani al Pirellone si è tenuto un convegno per riflettere sul ruolo dei genitori nel percorso dell'affido e su quali sono gli interventi necessari per i minori che si trovano presso famiglie affidatarie. Ne hanno parlato Elisa Nicotra (Sostenibile), Federica Giannotta (Terre Des Hommes) e Claudio Figini (Comin Cooperativa Sociale). I lavori sono stati aperti dai saluti dell'Assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari Opportunità Alessandra Locatelli.

"Le famiglie che scelgono di prendere un bambino in affido fanno un dono. Al bambino che accolgono, naturalmente, e alla società. Le istituzioni devono riconoscere questo ruolo ed essere al loro fianco nei momenti di difficoltà - ha sottolineato Dario Violi (M5s), Consigliere Segretario dell'Ufficio di Presidenza -. La gestione di un bambino affidatario non è una cosa semplice e non finisce nel momento dell'affido. È un percorso complesso che dura nel tempo. Per questo abbiamo pensato a un 'modello' di affido che preveda un approccio multidisciplinare e una rete di famiglie che possa confrontarsi sulle diverse esperienze e supportarsi a vicenda".

Il convegno, intitolato "Favorire il protagonismo delle famiglie nell'affido. Reti di famiglie affidatarie sostenute da equipe multidisciplinare", è stato promosso dal Consiglio regionale insieme a Terre des hommes, Sostenibile e Comin. È un'azione del progetto "Promozione intervento multilivello protezione infanzia", selezionato da "Con i Bambini" nell'ambito del "Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile", che affronta l'emergenza del maltrattamento dei minori. Tra le iniziative previste dal progetto c'è la predisposizione delle linee guida di ordine programmatico, amministrativo e aziendale per la formazione di "Centri Ospedalieri per la diagnosi del bambino maltrattato".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli