Lombardia, Salvini (Lega): Azzeramento della giunta o dimissioni

Milano, 10 ott. (LaPresse) - "Ho in mano le dimissioni di tutti e 20 i consiglieri regionali e gli assessori della Lega. Domani io e Maroni incontriamo Formigoni con le dimissioni in tasca. Lasciamo a Formigoni la scelta se fare un passo a lato o indietro". Lo ha detto il segretario della Lega lombarda Matteo Salvini al termine dell'assemblea del gruppo consiliare della Lega in Regione, convocata dopo l'arresto di Domenico Zambetti, assessore alla Casa, con l'accusa di aver stretto patti con la criminalità organizzata in cambio di voti per le elezioni regionali del 2010 e quelle comunali del 2011. "A Formigoni - ha aggiunto Salvini - chiediamo o l'azzeramento della giunta o dimissioni".

"La Lega - ha proseguito - è ben determinata ad andare avanti, ci aspettiamo quantomeno l'azzeramento della giunta e il dimezzamento di eventuali nuovi assessori con un altro presidente di Regione, consci del fatto che in Lombardia si andrà a votare il prima possibile". Salvini ha indicato come data possibile aprile 2013, in concomitanza con le elezioni politiche. "Regione Lombardia - ha sottolineato - è la meglio amministrata d'Italia ma un conto è la buona amministrazione e un conto è l'infiltrazione criminale che ha portato qualcuno ad essere eletto consigliere regionale, cosa che per un leghista è inaccettabile".

Ricerca

Le notizie del giorno