Lombardia, stop alle prime dosi con AstraZeneca: il motivo

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Lombardia, stop alle prime dosi con AstraZeneca: il motivo (Photo by Mauro Ujetto/NurPhoto via Getty Images)
Lombardia, stop alle prime dosi con AstraZeneca: il motivo (Photo by Mauro Ujetto/NurPhoto via Getty Images)

In Lombardia stop alle prime dosi con il vaccino AstraZeneca, che verrà utilizzato soltanto per i richiami. Anche per i cittadini dai 60 ai 79 anni, senza particolari patologie, le prime iniezioni si faranno solo con Pfizer e Moderna. 

Ad annunciare il drastico cambio di rotta è la Regione Lombardia in una nota inviata a tutti i direttori generali degli ospedali e delle Ats. La nuova regola, come anticipa L'Eco di Bergamo, verrà applicata a partire da lunedì 26 aprile.

GUARDA ANCHE - Covid, servirà la terza dose di vaccino?

Il motivo non è legato ai presunti casi di trombosi ma alla disponibilità di dosi e il programma delle consegne future. Infatti, secondo la direzione generale al Welfare della Regione Lombardia, per i vaccini Pfizer è più facile avere un calendario preciso degli arrivi rispetto ai vaccini AstraZeneca.

Inoltre, le dosi di siero AstraZeneca devono necessariamente essere conservate per poter assicurare le seconde dosi al personale sanitario e le forze dell'ordine che hanno già ricevuto la prima dose. Da qui, la scelta di puntare su Moderna e Pfizer. 

GUARDA ANCHE - Ecco come andremo in spiaggia: le regole dell’estate 2021