In Lombardia triplicati in 10 anni ettari con coltivazioni bio

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 ott. (askanews) - È più che triplicata in dieci anni la superficie a biologico in Lombardia, passata da 14.650 ettari del 2009 a oltre 56 mila nel 2019. È quanto emerge da un'analisi della Coldiretti regionale su dati Sinab (Sistema di Informazione Nazionale sull'Agricoltura Biologica) in occasione del seminario su biologico e biogas organizzato a Trescore Cremasco (Cr) presso l'allevamento dell'azienda agricola Carioni alla presenza tra gli altri di Paolo Voltini, presidente Coldiretti Lombardia, e Fabio Rolfi, assessore regionale all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi.

Il trend, osserva la Coldiretti in una nota, risponde all'aumento della domanda dei consumatori con gli acquisti di alimenti biologici che in Italia hanno raggiunto la cifra record di 4,3 miliardi di euro nel 2020 in aumento del 7% rispetto all'anno precedente. Per sostenere la spinta alle produzioni biologiche un'opportunità arriva dagli impianti di biogas agricoli con la produzione di concime naturale a partire da residui e sottoprodotti degli allevamenti e dei campi. In Lombardia sono attualmente 450 gli impianti di questo tipo sui duemila presenti in Italia.

Le stalle sono alla base della nuova economia green con la produzione di letame e liquami, indispensabili per fertilizzare i terreni in modo naturale e garantire all'Italia la leadership europea nel biologico e la produzione di energie rinnovabili come il biogas, in un'ottica di economia circolare e diversificazione aziendale. "Le aziende agricole lombarde e italiane hanno già raccolto la sfida della sostenibilità - ha commentato Paolo Voltini, presidente di Coldiretti Lombardia - Per proseguire su questa strada bisogna ora creare le condizioni affinché la sostenibilità non sia vista solo come uno slogan ma si traduca sempre più in opportunità concrete per le imprese, come nel caso del biogas".

Gli impianti di biogas in Italia oggi producono anche 1,7 miliardi di metri cubi di biometano, ma è possibile arrivare entro il 2030 a 6,5 miliardi con la trasformazione del 65% dei reflui degli allevamenti. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) rappresenta in questo senso un'opportunità importantissima per il pieno sviluppo del potenziale offerto del settore del biometano agricolo con l'obiettivo di arrivare alla produzione del 10% di gas rinnovabili nella rete del gas nazionale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli