Lombardia: vaccini e liste attese, giunta approva linee di programma sanità 2021

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano 2 apr. (Adnkronos) – "Accessibilità, innovazione, libertà di scelta, continuità delle cure". Sono questi gli assi portanti della programmazione 2021 del Sistema socio-sanitario lombardo. E, ancora, "il rafforzamento della medicina territoriale, una sanità sempre più supportata dalla scienza e dalla tecnologia, le fondamentali opportunità offerte da telemedicina e teleconsulto e le nuove sfide da vincere grazie all'ulteriore potenziamento delle attività di ricerca biomedica". Così il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e la vicepresidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti, commentano il contenuto della delibera approvata dalla Giunta di Regione Lombardia sulle 'Linee di programma della Sanità regionale per il 2021'.

Il documento comprende gli obiettivi e le linee di indirizzo che Regione Lombardia e assessorato al Welfare intendono perseguire nel campo della sanità: dalla prevenzione all'assistenza ospedaliera, dall'assistenza territoriale alle cure primarie, passando per i temi della salute mentale, della disabilità e dell'integrazione sociale, fino ad arrivare alla ricerca biomedica, al fascicolo sanitario elettronico e alla veterinaria. "Il lavoro dell'Assessorato in questi primi due mesi del mio mandato – osserva la vicepresidente e assessore al Welfare – è stato fortemente dedicato all'emergenza Covid-19 e alla redazione del Piano vaccinale. Questo stesso documento nella sua premessa fa riferimento a quanto la pandemia ci ha messo di fronte. Nonostante il gravoso impegno, la delibera approvata ci consente di dare 'Linee guida' fondamentali e innovative per quanto riguarda le strategie d'azione nelle nostre strutture e sul nostro territorio"

Il documento approvato dalla Giunta è stato redatto nell'ottica di perseguire tre obiettivi fondamentali: attuare il piano Covid-19 per vaccinare tutti i lombardi entro l'estate, azzerare o comunque ridurre le liste di attesa e avere diagnosi rapide e sempre più accurate, fondamentali per la cura della persona prima ancora che del paziente.