Lombardia "rossa" per errore. Fontana accusa, ma una mail sembra smentirlo

Carlo Renda
·Vicedirettore HuffPost
·2 minuto per la lettura
Fontana (Photo: )
Fontana (Photo: )

“Quando ci hanno chiesto di riconoscere un errore che non era nostro, mi sono davvero... meglio, sono rimasto perplesso”. Il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, intervistato dal Corriere della Sera, torna sulla vicenda della Regione in zona rossa per un errore nei calcoli. “La responsabilità è chiara” dice il governatore, “noi abbiamo sollevato il caso e il Governo sta provando a ribaltare le responsabilità”.

Ieri però il Tg3 ha mostrato in esclusiva la mail inviata dal Pirellone all’Iss. Il 19 gennaio il dg dell’Assessorato al Welfare della Lombardia Marco Trivelli ha scritto al presidente dell’istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro per chiedere la revisione del Rt in base alle “modifiche definite a livello tecnico”. A riportare la missiva è stato il Tg3. “Con la presente - si legge - a seguito dell’odierna interlocuzione, si richiede che venga eseguito un calcolo dell’indice Rt sintomi recependo le modifiche definite a livello tecnico relative al conteggio dei pazienti guariti e deceduti”.

Per il governatore Fontana, il tentativo di ribaltare le responsabilità è “un’operazione che mi indigna. Forse è l’algoritmo che determina il colore delle zone a dimostrare limiti. Noi, come governatori, pensiamo che questo sia un argomento vivo e delicato che non possa essere affidato a un freddo algoritmo”.

Duro anche il neo assessore leghista Guido Guidesi, che chiede ristori immediati e punta il dito contro il Governo: “Ci attaccano per coprire il suk di Palazzo Madama, ma l’errore sul numero dei contagi è loro - dice a La Verità - Roma ci deve 700 milioni, i ministri non capiscono le imprese”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Una settimana di “ingiusta zona rossa” in Lombardia equivale a 2 milioni di euro di perdite per gli hotel solo nella c...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.