L'Oms lancia l'allarme morbillo in Europa

Veronique Viriglio

In Europa il ritorno in forza del morbillo è pericoloso, con quasi 90 mila casi registrati dall'inizio del 2019, più del doppio rispetto all'anno precedente, e 37 morti. A lanciare l'allerta sull'emergenza nel Vecchio Continente è l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), nel suo ultimo rapporto che passa al setaccio la situazione epidemiologica in 48 Paesi europei e chiede ai governi di "intensificare le campagne di vaccinazione".

Nel resto del mondo, come già emerso dal precedente rapporto, il numero di casi è aumentato del 300% nel primo semestre 2019, in tutto sono 364.808 mila. Con precisione l'Oms riferisce di 89.994 mila casi segnalati in 48 Paesi europei, più del doppio rispetto allo stesso periodo del 2018, quando erano 44.175 mila, e già superiori a tutti quelli del 2018, 84.462 mila.

The surge in #measles cases in Europe that began in 2018 has continued, with approximately 90,000 cases reported for the first half of 2019.
This is already more than the total for the whole of 2018 (84,462 cases) https://t.co/xxqdjLpjIS pic.twitter.com/QedVYPKGXm

— World Health Organization (WHO) (@WHO) August 29, 2019

Inoltre, sottolinea l'Oms, la malattia è ricomparsa in quattro Paesi - Regno Unito, Grecia, Repubblica Ceca e Albania - in cui era stata decretata come "eliminata". Per l'agenzia con sede a Ginevra, per ottenere lo status di "eliminazione" in una determinata regione ci deve essere assenza di trasmissione continua per almeno 12 mesi. Non è andato così nel Regno Unito (953 casi nel 2018 e 489 dall'inizio dell'anno) mentre in Grecia sono stati 2.193 lo scorso anno e 28 questo, in Albania nel 2019 siamo a quota 475 e in Repubblica Ceca a 569.

Numeri alla mano, in Europa il 60% delle vittime - 37 dall'inizio dell'anno e 74 nel 2018 - ha meno di 19 anni. Dall'inizio dell'anno il 78% dei casi è stato riscontrato in quattro focolai di contagio: Kazakistan, Georgia, Russia e Ucraina, che da sola ne registra il 60%. Il morbillo è endemico in 12 Paesi europei, tra cui Italia, Francia e Germania, dove la vaccinazione diventerà obbligatoria da marzo 2020.

Austria e Svizzera hanno, invece, avuto accesso allo status di "eliminazione" dopo aver dimostrato l'interruzione della trasmissione da almeno 36 mesi, entrando a far parte del gruppo dei 35 Paesi dichiarati liberi dal morbillo. 

European Region loses ground in effort to eliminate #measles.#Albania #CzechRepublic #Greece #UnitedKingdom
have lost their measles elimination status.https://t.co/xxqdjLpjIS pic.twitter.com/T8Dj3hIzTW

— World Health Organization (WHO) (@WHO) August 29, 2019

 

"La ripresa del contagio del morbillo è un problema preoccupante. Se non riusciamo a stabilizzare e mantenere una copertura vaccinale elevata, in ogni comunità, gli adulti conosceranno sofferenze inutili, e alcuni andranno incontro ad una morte tragica", ha avvertito Guenter Pfaff, presidente della Commissione regionale di verifica dello sradicamento del morbillo e della rosolia.

"Eppure è successo in Paesi dalla copertura vaccinale nazionale estremamente elevata. Questo deve rappresentare un campanello d'allarme per il mondo intero. Non basta, ci vuole una copertura elevata in ogni comunità, in ogni famiglia" ha insistito Katherine O'Brien, direttrice del dipartimento vaccinazione dell'Oms.

Secondo l'Organizzazione in realtà nel mondo meno di un caso su 10 viene segnalato, quindi l'epidemia è ben più estesa rispetto alle statistiche ufficiali e ogni anno le vittime di morbillo sarebbero circa 6,7 milioni. Una volta contratto non esiste alcuna cura al morbillo, ma può essere evitato con due dosi di vaccino. Grazie alla vaccinazione tra il 2000 e il 2016 circa 20 milioni di decessi nel mondo sono stati evitati. Il ritorno in forza della malattia dal 2016 è attribuito al cattivo accesso a cure nelle zone più remote del mondo e alla crescente sfiducia nei vaccini, a cominciare dai Paesi occidentali.