London Bridge: uno degli "eroi" sarebbe in realtà un assassino

Ihr

Roma, 30 nov. (askanews) - I membri del pubblico che hanno affrontato l'aggressore del London Bridge Usman Khan erano ex prigionieri che partecipavano a un evento di riabilitazione nella Fishmongers's Hall, incluso un uomo condannato per aver ucciso una giovane donna disabile. Lo scrive il Telegraph online.

James Ford, 42 anni, era in libera uscita ieri quando si è unito a quelli che hanno inseguito Khan in strada prima di essere bloccato in terra. Ford è stato condannato all'ergastolo con un minimo di 15 anni nel 2004 per l'omicidio di Amanda Champion, che aveva un'età mentale di 15 anni.

Si pensa che Ford si sia precipitato sulla scena e abbia cercato di salvare la vita a una donna vittima di Khan. Fonti hanno riferito che le sue azioni durante l'attacco hanno probabilmente salvato delle vite.(Segue)