Londra celebra l'arte di Edvard Munch. Una personale alla Courtauld Gallery

Non è il famoso Urlo, ma le facce impaurite e quasi scioccate ricordano sicuramente la celebre opera d’arte di Edvard Munch. La mano è la sua ma il dipinto è “Sera sul viale Karl Johan”, un quadro che affronta ancora una volta la tematica dell’ansia. Insieme ad altri dipinti, la Courtauld Gallery di Londra in una mostra ripercorre la carriera dell’artista norvegese.

Per la prima volta nel Regno Unito, tra le sale della prestigiosa galleria londinese, sono esposte 18 opere conservate presso il KODE Bergen Art Museum, in Norvegia, che vanta una delle più impor-tanti raccolte dell’artista al mondo. La mostra, intitolata "Edvard Munch. Masterpieces from Bergen", aperta al pubblico fino al 4 settembre, è il risultato di una stretta collaborazione tra le Courtauld Gallery e l’istituzione da cui provengono i capolavori.

Tabish Khan, critico d'arte londinese fa notare che “le persone quando sentono parlare di Munch lo associano subito all’Urlo. Del resto è un’opera iconica. Una tra le più famose al mondo. In questa personale c’è molto di più però. E’ un percorso vario, dove in una stessa stanza si trovano dipinti con stili diversi, alcuni anche abbastanza realistici. Ci si rende conto di questa varietà anche se il filo conduttore restano l’ansia e angoscia, sentimenti che si riscontrano in molte opere di Munch.”

La vita di Munch fu segnata da due tragedie familiari. Sua madre morì di tubercolosi quando lui aveva solo cinque anni. Mentre sua sorella, a cui era molto legate, morì a 15 anni. Due lutti che incisero profondamente anche sul suo percorso arti-stico.

I capolavori di Bergen

Tra i dipinti di Munch in mostra a Londra troviamo una delle sue primissime opere, datata 1884 e intitolata Morning, considerata, per quell’epoca, controversa e radicale, e presentata all'Esposizione Universale di Parigi nel 1889; Summer Night, realizzata nel 1889, i dipinti della celebre serie Frieze of Life, come Evening on Karl Johan realizzata nel 1892, Melancholy del 1894-96, By the Death Bed datata 1895 e Self-Portrait in the Clinic del 1909: uno degli autoritratti più introspettivi di Munch dipinto quando era in cura per stress emotivo a Copenaghen.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli