Londra ignora la Commissione scientifica e avvia vaccinazioni ai 12-15enni

·1 minuto per la lettura
LONDON, UNITED KINGDOM - SEPTEMBER 7:  Britain's Prime Minister Boris Johnson speaks during a news conference in Downing Street on September 7, 2021 in London, England. British Prime Minister Boris Johnson has outlined plans to raise taxes to pay for reforms to the social care system and the recovery of the NHS after the pandemic.  (Photo by Toby Melville-WPA Pool/Getty Images) (Photo: WPA Pool via Getty Images)
LONDON, UNITED KINGDOM - SEPTEMBER 7: Britain's Prime Minister Boris Johnson speaks during a news conference in Downing Street on September 7, 2021 in London, England. British Prime Minister Boris Johnson has outlined plans to raise taxes to pay for reforms to the social care system and the recovery of the NHS after the pandemic. (Photo by Toby Melville-WPA Pool/Getty Images) (Photo: WPA Pool via Getty Images)

Il governo britannico si appresta a rovesciare il parere negativo dei consulenti del Joint Committee on Vaccination (Jcvi) sull’allargamento dei vaccini anti Covid a bambini e ragazzi fra 12 e 15 anni sullo sfondo della riapertura delle scuole.

Lo anticipa la Bbc, indicando che la formalizzazione potrebbe arrivare a sorpresa domani da Boris Johnson, dopo il responso consegnato oggi dai chief medical officer delle 4 nazioni del Regno: più favorevole di quello del Jcvi. Quest’ultimo nei giorni scorsi aveva scelto di non raccomandare per ora l’allargamento evocando cautele sul rapporto rischi/vantaggi per questa specifica fascia d’età.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli