A Londra la campagna per il sindaco: Khan contro Bailey

·1 minuto per la lettura
featured 1293178
featured 1293178

Roma, 22 apr. (askanews) – Lavoro, lavoro, lavoro, è il mantra di Sadiq Khan, sindaco laburista di Londra a caccia della rielezione nel voto del prossimo 6 maggio, già rimandate di un anno causa pandemia; lo vediamo qui a un evento di cricket, parte del suo sforzo per portare nella capitale britannica la Premier League indiana di questo sport.

“Abbiamo visto le conseguenze terribili della pandemia negli ultimi 13 mesi. Più di 18mila londinesi hanno perso la vita, sono 18mila famiglie in lutto; più di trecentomila hanno perso il lavoro e un altro milione è in cassa integrazione fino a settembre e molti potrebbero essere licenziati” dice Khan.

Sadiq Khan è la faccia della Londra multiculturale, contraria alla Brexit, critica del governo Johnson. Nel suo programma anche continuare la politica delle case popolari con un nuovo piano regolatore, costruendo in buona parte sui terreni della TfL, l’ente dei trasporti londinesi. I cittadini sembrano apprezzare: nei sondaggi il rivale più vicino è indietro di 22 punti.

Si tratta del conservatore Shaun Bailey, anche lui scelto come volto del multiculturalismo, che oggi ha varato la sua campagna su un autobus che promette “un nuovo inizio”, agitando anche lo spettro della criminalità.

“Sadiq Khan ha onorato solo la metà delle sue promesse elettorali. Poche case costruite, le strade di Londra sono diventate pericolose, e adesso si propone un massiccio aumento delle tasse”.

Bailey promette quasi un milione di nuovi posti di lavoro e assicura che il suo piano garantirà che la capitale giochi il suo ruolo nel quadro dell’economia britannica e internazionale. Nonostante, anche se non lo dice, la crisi della pandemia si sia sommata a quella provocata dalla Brexit.