Londra, la protesta dei sindacati contro il caro-vita

Londra, la protesta dei sindacati contro il caro-vita

Proteste dei sindacati a Londra contro la crisi del costo della vita. Al grido di “I Conservatori devono pagare questa crisi” migliaia di persone hanno sfilato per le vie della City in una marcia anti-governativa.

I manifestanti hanno sventolato un opuscolo per reclamare il mancato rimborso delle tasse comunali pari a 150 sterline,bonus che servirebbe per sostenere i costi dell'energia. I lavoratori hanno perso una media di quasi 20.000 sterline di guadagni cumulativi dal 2008 che mai sono stati ancora inviati a migliaia di famiglie inglesi e gallesi che ne hanno fatto richiesta. Alcuni manifestanti hanno portato striscioni con la scritta "taglia la guerra, non il benessere".

Secondo il sindacato TUC c'è un livello record “straziante” dell'impatto che la crisi sta avendo sulle famiglie. "I prezzi salgono alle stelle, ma i bonus sono tornati a livelli eccezionali. Se non otteniamo un aumento della paga, continueremo semplicemente a barcollare da una crisi all'altra. Questa emergenza sul costo della vita non è venuta dal nulla. È il risultato di più di un decennio di salari fermi”, ha detto la 62enne sindacalista alla stampa londinese PA Media.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli