Londra: lutto "consolatorio", alberghi e bar a pieno regime

Sta per finire l'attesa per l'ultimo saluto alla regina Elisabetta II: nonostante il triste periodo, l'industria dell'ospitalità britannica ha comunque qualcosa per cui consolarsi, dato che gli hotel e i bar della capitale sono pieni.

Esempio pratico: centinaia di persone fanno la fila al Riverside Café e questo si riflette sul carico di lavoro.

"Siamo molto impegnati - dice il titolare - negli ultimi due giorni siamo stati occupatissimi, di solito apriamo alle nove ma negli ultimi quattro giorni abbiamo aperto dalle sette.

Eravamo impegnati anche quando morì la regina madre nel 2002, ma non così come oggi, in questa settimana".

Jon Furniss/Jon Furniss/Invision/AP
AP Photo - Jon Furniss/Jon Furniss/Invision/AP

Il tutto si estende all'intera città: Londra è il centro del Regno Unito ed è sovraffollata di visitatori, un lenitivo dopo la pandemia.

"Dopo i funerali di Stato - afferma Sadiq Khan, sindaco di Londra - molti dei nostri hotel potrebbero essere meno occupati ed è così che il mercato risponde in relazione alle leggi della domanda e dell'offerta.

Il nostro settore dell'ospitalità, non solo gli hotel ma anche ristoranti, bar e pub, ha passato tre anni terribili a causa di questa pandemia".

Al momento, gli hotel a Londra sono quasi a pieno regime, col 95% delle camere occupate.