Lopalco: "Lockdown tra 10 giorni? E' tardi"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Gli effetti delle misure vanno valutati in 2-3 giorni al massimo, 8-10 giorni sono troppi". Sono le parole di Pier Luigi Lopalco, epidemiologo e assessore alla Sanità della Puglia, che risponde così alle domande sull'eventuale adozione di misure più severe tra una settimana abbondante. "Non so se il lockdown di alcune città possa avere effetto, sarebbe meglio concentrarsi su alcune categorie e funzioni. Occorre rallentare i contatti che si hanno durante la giornata, l'attenzione va sugli aggregatori sociali, ecco perché abbiamo chiuso le scuole", dice a 'Coffee Break' su La7 soffermandosi sulla situazione della Puglia in particolare.

"Era sicuro che ci sarebbe stata la seconda ondata. Era impossibile prevedere quanto, ma non c’era dubbio sull’esistenza. Ora in tutti i paesi del mondo, anche in quelli che hanno 10 volte i nostri posti in terapia intensiva, non bisogna aumentare le misure quando gli ospedali sono pieni, bisogna intervenire quando i servizi territoriali sono in sofferenza. A quel punto bisogna stringere le maglie