L'ospedale Bambino Gesù in udienza dal Papa per i 150 anni -2-

Cro/Ska

Città del Vaticano, 13 nov. (askanews) - Saranno tre i doni per Papa Bergoglio consegnati dai piccoli pazienti del Bambino Gesù: il primo è una stola sacerdotale decorata con i disegni dei bambini della ludoteca dell'ospedale che si sono ispirati ai temi della Creazione e della salvaguardia del Creato cari a Papa Francesco. Il secondo è il fumetto "Un ospedale per Papa Francesco", disegnato dal fumettista Roberto Battestini con testi di Alessandro Bottero, che ripercorre la vicenda del Complexe Pédiatrique di Bangui. Dopo la visita di Bergoglio, in occasione dell'apertura della Porta Santa del Giubileo della Misericordia nel novembre 2015, il Pontefice chiese alla Presidente Enoc un intervento dell'ospedale in favore dei bambini della capitale centrafricana. Dopo i primi interventi urgenti, è stato avviato un programma di lavori per la ristrutturazione del complesso esistente e per la creazione di un nuovo Centro di re-nutrizione terapeutica, inaugurato il 2 marzo 2019 alla presenza dell'Elemosiniere pontificio, Cardinale Konrad Krajewski. L'ultimo dono è il libro fotografico "Vite che aiutano la vita": 130 fotografie di Daniele Garofani, accompagnate da testi dello scrittore Daniele Mencarelli, danno testimonianza di tutte le figure professionali del Bambino Gesù che ogni giorno scendono in campo per svolgere al meglio la comune missione di accogliere e curare i bambini provati dalla malattia.

Papa Francesco sarà accolto nell'Aula Paolo VI da uno striscione con lo slogan per i 150 anni dell'ospedale: "Il futuro è una storia di bambini". Sul palco, accanto al Pontefice, 60 bambini indosseranno la maglietta della campagna sociale "Ogni storia merita un lieto fine" lanciata nei mesi scorsi dall'ospedale per raccontare la storia di Carmelo e dei bambini come lui che hanno combattuto e vinto contro "il mostro di Hodgkin" e contro tutte le malattie, con l'aiuto dei medici, degli infermieri e dei ricercatori del Bambino Gesù.