L'ospedale di Sarno è diventato un focolaio di Coronavirus

·1 minuto per la lettura
ospedale sarno covid
ospedale sarno covid

Un focolaio di Coronavirus è scoppiato all’ospedale Martiri Villa Malta di Sarno, in provincia di Salerno. Almeno dieci medici sono risultati positivi al tampone, nove dei quali nel reparto di Ginecologia: 5 ostetriche, una infermiera, una pediatra e 2 puericultrici. Un altro medico contagiato, attualmente asintomatico e in isolamento domiciliare, lavorava invece in un altro reparto del presidio ospedaliero. Il reparto di Ginecologia intanto è stato chiuso al pubblico.

I disagi dettati dal focolaio

Il focolaio ha causato numerosi disagi nell’ospedale, che già si trova in difficoltà a causa dei numerosi casi di positività al Covid-19 che deve affrontare. La struttura è infatti in sovraffollamento e la carenza di medici non aiuta. In pronto soccorso i pazienti che non hanno patologie connesse al virus si trovano costretti ad attendere di essere visitati in corridoio, senza alcuna privacy.

Una parte dei positivi al Covid-19, invece, è stata trasferita per mancanza di spazio nella sala B, che non ha un bagno interno. Per questa ragione i pazienti positivi autosufficienti sono costretti ad attraversare il corridoio, dove si trovano anche le persone negative, per recarsi al bagno.

Sono dunque saltate gran parte delle norme relative al distanziamento sociale e i percorsi per differenziare i pazienti in base alla positività o meno al virus non sono più efficienti. Il rischio è che, in tal modo, i casi di Coronavirus nel presidio ospedaliero aumenteranno a dismisura.