Lotta alla mafia, a Godrano il museo dedicato a don Pino Puglisi

Xpa

Palermo, 3 set. (askanews) - Nasce oggi a Godrano, in provincia di Palermo, il museo dedicato alla figura del beato Pino Puglisi, il sacerdote ucciso dalla mafia il 15 settembre del 1993. Il paese ha rappresentato un luogo fondamentale nell'opera pastorale di don Puglisi, che qui fu parroco dal 1970 al 1978. Fu qui, infatti, che il prete di Brancaccio diede il via alla sua grande opera di sensibilizzazione delle fasce più giovani al rispetto della legalità che passasse, oltre che attraverso la fede, soprattutto attraverso una profonda formazione culturale.

Nel museo, inaugurato dall'arcivescovo metropolita di Palermo don Corrado Lorefice, saranno custoditi alcuni paramenti sacri, testi e documenti, oggetti personali, quadri e foto che ritraggono don Pino Puglisi che con quel suo motto "se qualcuno fa qualcosa, allora si può fare molto", ha lasciato un segno importantissimo nella lotta alla mafia.

"Noi come comunità godranese - si legge in una nota -, abbiamo sperimentato la verità di queste parole del nostro amato parroco, Padre Pino Puglisi, perché grazie a tutta la comunità, sotto la spinta del vulcanico e instancabile don Massimiliano Purpura e della sua caparbietà , nel credere fortemente in questo progetto, che sembrava una chimera, finalmente possiamo dire con profondo e santo orgoglio, che il museo che sarà dedicato a 3P è pronto. Un grazie particolare va all'amministrazione comunale di Godrano, nella persona del sindaco Epifanio Mastropaolo, per aver stipulato con la parrocchia una convenzione di concessione del locale attiguo alla chiesa, destinato a museo;  ma soprattutto a quanti hanno prestato fattivamente il loro tempo e le loro mani per la ristrutturazione del locale. Come pure a tutta la comunità godranese, che ha contribuito economicamente e in modo particolare ad alcuni benemeriti benefattori. Viva Godrano, viva il beato martire Giuseppe Puglisi, nostro parroco".