"I love Scienza", partita maratona su rapporto con società e futuro

Red
·2 minuto per la lettura

Roma, 10 nov. (askanews) - Una maratona di 7 ore che vedra' avvicendarsi oltre 100 scienziati italiani di primissimo piano e, come ospite d'eccezione, Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Disease statunitense e a capo della task-force anti-Covid in USA: e' "I Love Scienza", l'evento organizzato dalla Fondazione De Sanctis in occasione della Giornata Mondiale della Scienza promossa dall'Unesco. La maratona è partita stamattina alle 11.00 con il saluto del Ministro dell'Università e della Ricerca Gaetano Manfredi e con la lettura della cantante Elisa che ha letto un brano tratto dal libro "La banda di Via Panisperna. Fermi, Majorana e i fisici che hanno cambiato la storia." La maratona, una diretta on line, che per tutta la giornata odierna fino alle 18.00 celebrerà la giornata mondiale della scienza è visibile in diretta streaming sul sito www.ilovescienza.org, ma anche sul sito Rai Cultura.it è sui siti Salute - Repubblica e Stampa e sul sito del Corriere.it quali media partner dell'evento. La maratona sara' occasione per discutere il rapporto tra scienza e societa', scienza e futuro, scienza e Covid-19. Per ogni blocco di interventi degli scienziati nazionali e internazionali, si susseguiranno le letture degli interpreti cinematografici italiani tra i più prestigiosi tra cui Ilenia Pastorelli, Francesco Pannofino, Claudio Santamaria, Paolo Briguglia, Massimo Popolizio e Ilenia Lazzarin di Un Posto al Sole. L'evento - in parternship con Tim, Aci, Terna, Conad, Cepell, Rai Cultura, Rai Radio3, Il Libraio, Croce Rossa Italiana, Quotidiano Sanita', La Stampa, Repubblica, Corriere della Sera e in partnership istituzionale con la Corte dei Conti - conferma la vocazione della Fondazione De Sanctis per la promozione di iniziative dedicate alla diffusione della cultura. Nello specifico segna un ampliamento degli orizzonti letterari della Fondazione verso la scienza. L'iniziativa, quindi, si inserisce in un piano specifico volto alla divulgazione di un pensiero critico nei confronti della realta'. In questa occasione il centro della riflessione si concentra sul rapporto tra scienza e contemporaneita', decisivo per decifrare la particolare situazione che stiamo vivendo. Il fil rouge e' in linea con il tema della Giornata Mondiale della Scienza 2020: Scienza per e con la societa' nel far fronte alla pandemia mondiale.