Luana D'Orazio, la Procura chiude le indagini: restano tre gli indagati

·1 minuto per la lettura
Luana D'Orazio, chiuse le indagini
Luana D'Orazio, chiuse le indagini

La Procura di Prato ha notificato la chiusura delle indagini sulla morte di Luana D’Orazio, l’operaia di 22 anni deceduta a causa di un incidente sul lavoro in una ditta tessile di Montemurlo. Gli indagati restano tre, vale a dire Luana Coppini (titolare dell’azienda), Daniele Faggi (suo marito e direttore amministrativo dell’impresa) e Mario Cusimano (Tecnico che avrebbe tolto i dispositivi di sicurezza dagli orditoi).

Luana D’Orazio: chiuse le indagini

La giovane era stata trascinata per i capelli dallo strumento con cui operava durante un turno di lavoro. Le indagini delle forze dell’ordine e della magistratura sui suoi macchinari avevano già portato all’individuazione dei tre indagati per cui si ipotizza il reato di omicidio colposo e rimozione dolosa delle cautele anti-infortunistiche.

Secondo l’accusa i tecnici avrebbero infatti tolto i dispositivi di sicurezza dagli orditoi per guadagnare due minuti sul processo di produzione. Oggetti che secondo i periti avrebbero potuto uccidere in qualsiasi momento.

Luana D’Orazio, chiuse le indagini: il suo tutor era occupato in altre mansioni

L’autopsia e la successiva perizia effettuata sui due orditoi hanno confermato che Luana è morta trascinata dal macchinario tessile al quale era stata tolta la rete protettiva. Dalle indagini è inoltre emerso che la donna non aveva la possibilità di fare affidamento su un tutor aziendale perché il collega che avrebbe dovuto assisterla era anche occupato in altre mansioni. Un fatto che aggrava ulteriormente la posizione dei tre indagati iscritti al registro della Procura.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli