Luca Marinelli è Martin Eden: la cultura doveva servire per emancipare le persone. Intervista

Nella sesta giornata della Mostra del Cinema di Venezia, è stato presentato il secondo film italiano in concorso. Martin Eden con Luca Marinelli e diretto da Pietro Marcello, porta sul grande schermo una storia di riscatto sociale. Ispirato al libro scritto da Jack London nel 1909, il film racconta la storia di un marinaio analfabeta che innamorandosi di una giovane borghese, decide di studiare da autodidatta per diventare uno scrittore. "E' una storia universale quella di Martin Eden - spiega il regista ai nostri microfoni - E' la storia di un ragazzo che si emancipa e si riscatta attraverso la cultura." Per Luca Marinelli, attore eclettico e punto di riferimento del cinema italiano, c'era anche la voglia di entrare a far parte del cinema di Marcello. Ma per un artista quanto è difficile restare fedele a se stesso e non tradirsi? 'Sono le nostre scelte che ci definiscono'.

crediti foto@La Biennale di Venezia