De Luca: "Tv? Pollai con conduttori palloni gonfiati"

·1 minuto per la lettura

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, non partecipa "molto alle interviste perché 9 volte su 10, soprattutto negli organi di informazione radiotelevisivi, i conduttori in realtà intervistano se stessi, non gli ospiti. Quindi i pollai televisivi servono non a far capire le opinioni di chi viene invitato, ma sono il palcoscenico per una serie di conduttori televisivi malati di protagonismo, di narcisismo, a volte palloni gonfiati, che hanno bisogno di fare 'ammuina' per aumentare un po' gli ascolti, perché sennò non li ascolterebbe nessuno". Così il presidente della Regione, oggi alla Reggia di Caserta per la conclusione della nona edizione della Borsa internazionale del Turismo culturale.

"Sono confortato in questo mio giudizio - ha aggiunto De Luca - da quello che ha scritto Papa Francesco nella sua ultima enciclica, in cui descrive questo modo di non comunicare che ormai si è affermato in quello che dovrebbe essere il luogo della comunicazione. In realtà ognuno dice quello che non interessa ad altri".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli