Lucinda Childs e Robert Wilson, magia ipnotica in scena a Roma

featured 1619703
featured 1619703

Roma, 17 giu. (askanews) – Ipnotico, visionario: a Roma in prima mondiale “Relative calm”, uno spettacolo di danza che riunisce due icone del minimalismo: le coreografie di Lucinda Childs e le luci, i video, la regia di Robert Wilson. Un’occasione rara per immergersi in una collaborazione fra i due durata decenni.

A Roma alla Sala Petrassi dell’Auditorium, in scena anche la stessa Lucinda Childs, voce recitante e presenza magnetica.

“Abbiamo deciso di chiamare lo spettacolo “Relative Calm” perché ci ricorda l’epoca in cui cominciammo a collaborare ma in effetti riunisce la sezione iniziale di “Relative Calm” con musiche di John Gibson, una sezione di musiche di John Adams da “Available light” e una nuova creazione sul “Pulcinella” di Stravinsky” dice Childs. Una creazione giocosa in cui la coreografia scherza con la tradizione classica e russa proprio come la musica di Stravinsky.

“Credo che la cosa importante in questo progetto sia che io e Wilson condividiamo la stessa estetica e lavoriamo insieme da tanti anni” aggiunge la coreografa.

In scena dodici danzatori dell’MP3 Dance project del coreografo Michele Pogliani, che per dieci anni negli Stati Uniti ha fatto parte della compagnia di Lucinda Childs. “Dopo aver lavorato dieci anni con lei e nel 1992 con Wilson per “Einstein on the beach” ritrovarmi affiancato a loro due ottantenne in un progetto così sembra quasi un coronamento di una vita professionale” osserva Pogliani. “Nonostante siano ottantenni e abbiano lavorato insieme per 50 anni e quindi comunque fatto la storia del teatro americano e mondiale, io lo trovo uno spettacolo visionario”.

Il progetto di Change performing Arts è una produzione internazionale. In scena per tre serate a Roma da venerdì 17 a domenica 19 giugno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli