L'Ucraina può vincere la guerra?

L'Ucraina può vincere la guerra?

In Ucraina, questa settimana l'attenzione si è spostata sulla disputa politica sulla minaccia della guerra alle forniture alimentari. L'Ucraina è un produttore chiave di grano, mais e olio di girasole e si teme che i bombardamenti russi sui campi e il blocco dei porti possano causare una grave carenza di cibo in alcuni paesi in via di sviluppo.

La Russia è essa stessa un importante esportatore di grano e ha attribuito i problemi di approvvigionamento alimentare alle sanzioni occidentali contro le sue navi.

Qualcosa che il presidente del Consiglio dell'UE Charles Michel ha negato vigorosamente alle Nazioni Unite, con l'ambasciatore russo che ha lasciato l'aula.

Così Charles Michel, Presidente del Consiglio Europeo: "La Russia è l'unica responsabile di questa crisi alimentare. Solo la Russia, nonostante la campagna di bugie e disinformazione del Cremlino. Milioni di tonnellate di grano e grano sono bloccate in container e navi a causa delle navi da guerra russe nel Mar Nero e dell'attacco russo ai trasporti infrastrutture. E sono i carri armati russi, le bombe e le mine russe, che impediscono all'Ucraina di piantare e raccogliere. Lei può anche lasciare l'aula, forse è più facile non ascoltare la verità, ambasciatore".

In una conferenza stampa in Turchia, dove stava discutendo i piani per un corridoio di esportazione del grano, il ministro degli Esteri russo è sembrato essere colto alla sprovvista quando un giornalista ucraino gli ha chiesto del furto di grano.

Giornalista ucraino: "Quale merce rubata, a parte il grano, è riuscita a vendere la Russia fino ad ora?"

Ecco la risposta arrabbiata e piuttosto scomposta di Sergej Lavrov: "Voi siete sempre pronti a rubare qualcosa e pensate che tutti gli altri aggiscano nello stesso modo? Ecco la mia risposta: siamo impegnati a raggiungere gli obiettivi che sono stati annunciati pubblicamente: liberare l'Ucraina orientale dalla pressione del regime nazista".

Nel frattempo, la situazione militare sul campo rimane in stallo, con il proseguimento di pesanti combattimenti in Ucraina orientale.

Il destino della regione del Donbas potrebbe essere deciso nella città di Severodonetzk, ha detto il presidente Zelensky, dove l'Ucraina ha concentrato le sue difese più forti.

Con noi Neil Melvin, Direttore degli Studi sulla sicurezza internazionale presso il Royal United Services Institute di Londra.

Euronews: È da un po' che la Russia cerca di tenere sotto controllo l'intera regione del Donbas, eppure il successo militare è frammentario. Perché la Russia ha così tanti problemi?

Neil Melvin: Penso che quello che possiamo vedere è che il conflitto si sta davvero evolvendo in Ucraina. Adesso siamo alla seconda fase. La Russia ha lottato nella prima fase, alla fine è stata sconfitta nella battaglia di Kiev e ora ha cercato di concentrarsi sul Donbass e di sfruttare i suoi punti di forza. Ma quei punti di forza riguardano in realtà l'artiglieria e gli aerei, e questo significa fare progressi molto lenti, progressi a terra sono spesso appena un chilometro al giorno, distruggendo molte delle città e dei paesi più antichi del Donbass e quindi inviare la fanteria.

Euronews: C'è qualcosa che secondo lei è fondamentalmente sbagliato nella strategia russa?

Neil Melvin: La Russia ha molto sottovalutato la forza della resistenza ucraina. E così ha sviluppato una struttura di forze che era inappropriata. Ora sta cercando di adattarsi, ma ha un ritardo in un certo numero di ambiti. Penso in primo luogo, che non abbia davvero gli effettivi di cui ha bisogno, non ha abbastanza truppe per sfondare. E, infine, penso che ciò che la guerra ha compiutto è stato di smascherare il fatto che la modernizzazione militare russa non è avvenuta con successo come affermato dal Cremlino. È stato dimostrato che le capacità russe sono piuttosto carenti in un certo numero di aree.

Euronews: Le nazioni occidentali hanno potenziato l'arsenale ucraino con armi sempre più sofisticate, quale impatto avrà questo sull'equilibrio militare?

Neil Melvin: L'Ucraina sta soffrendo al momento in queste due aree in cui non ha le stesse capacità della Russia, ovvero l'artiglieria e l'aviazione. E quello che la Russia sta facendo è colpire le forze ucraine nel Donbass da 30 o 40 chilometri di distanza. E gli ucraini non possono davvero rispondere, motivo per cui stiamo assistendo a tassi di vittime piuttosto elevati tra le forze ucraine, forse fino a 100 morti ogni giorno e 500 feriti. Le capacità occidentali che stanno arrivando, progettate per bilanciare il campo di battaglia, danno all'Ucraina la possibilità di contrattaccare, forniscono loro un'artiglieria in grado di sparare da 50 a 80 chilometri di distanza, forniscono loro più sistemi missilistici in grado di prendere di mira queste artiglierie russe.

Euronews: Detto questo, le forze ucraine potranno respingere le forze russe nel Donbas con l'aiuto delle armi occidentali?

Neil Melvin: La grande domanda ora è: l'Ucraina può effettivamente organizzare una controffensiva su larga scala che respinga la Russia dal territorio che ha guadagnato? Penso che sia probabile che possa farlo. Sono scettico sul fatto che possa spingere la Russia completamente fuori dal territorio ucraino, compresa la Crimea che i russi hanno sequestrato. Ma può darsi che in realtà una volta che le forze russe inizieranno a essere respinte, la volontà politica di combattere in Russia possa essere danneggiata in un modo che si potrebbe aprire un processo politico, un processo diplomatico che potrebbe quindi spostare la guerra su un binario su cui un l'accordo di pace diventa più possibile.

Uno dei principali fornitori di armi occidentali è il Regno Unito.

Solo pochi giorni fa, Londra ha annunciato che avrebbe inviato per la prima volta missili a lungo raggio in Ucraina. Il primo ministro Boris Johnson, sopravvissuto a malapena a un voto di sfiducia questa settimana, è uno dei sostenitori più espliciti dell'Ucraina.

Qualcosa che gli ucraini hanno notato. Ecco perché una panetteria di Kiev ha progettato una torta che porta il nome del Premier: la torta Johnson. Secondo il fornaio, si ispira alla torta di mele inglese e all'acconciatura di Johnson La torta è composta da crema pasticcera alla vaniglia, mele cotte, meringa italiana e una pallina di gelato alla vaniglia. Non sorprende che vada spesso subito esaurita: la politica dei dolci...

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli