Ludovico Einaudi in concerto a Milano: le date del tour 2019

concerto einaudi

In periodo prenatalizio Milano ospita (ormai da quattro anni) uno degli eventi musicali più attesi della stagione, il concerto di Ludovico Einaudi. Il compositore si esibirà sul palco del Teatro Dal Verme per ben quindici serate e presenterà il suo tour 2019, Seven Days Walking, che lo ha già visto calcare i palchi nazionali e internazionali più importanti.

Ludovico Einaudi in concerto a Milano

I concerti di fine anno di Ludovico Einaudi sono un appuntamento fisso da più di quattro anni per i cittadini di Milano e per gli appassionati. Il compositore ha sempre considerato queste date come la chiusura della sua stagione concertistica e torna sempre con grande entusiasmo ad esibirsi sul palco del Teatro Dal Verme (Via San Giovanni Sul Muro, 22 – Milano). Sono quindici le date di Milano del concerto di Ludovico Einaudi, Seven Days Walking: martedì 3, mercoledì 4, giovedì 5, venerdì 6, domenica 8, mercoledì 11, giovedì 12, venerdì 13, sabato 14, domenica 15, martedì 17, mercoledì 18, giovedì 19, venerdì 20 e sabato 21 dicembre 2019.

Il biglietti sono già disponibili online. I prezzi dei biglietti vanno dal 40 euro ai 63 euro per la tariffa normale mentre il VIP PACK Ludovico Einaudi costa 256 euro. Molte date sono già sold-out quindi vi consigliamo di affrettarvi se non volette perdervi uno dei concerti più attesi dell’anno 2019 a Milano.

Il tour 2019 di Ludovico Einaudi

Seven Days Walking non è soltanto il nome del tour 2019 del compositore e pianista ma è molto di più, si tratta di un corpus di sette album da pubblicare nell’arco di sette mesi. Il primo volume, “Seven Days Walking: Day One“, è uscito il 15 marzo e poi tutti gli altri a un mese di distanza l’uno dall’altro. In autunno è stato commercializzato il cofanetto che include tutti e sette i dischi.

L’artista ha commentato così questa sua opera: “A gennaio dello scorso anno spesso sono andato a fare lunghe camminate in montagna, seguendo spesso gli stessi sentieri. Nevicava molto e in mezzo a quelle tempeste di neve, in cui tutte le forme sembravano perdere i loro contorni e i loro colori, i miei pensieri volavano liberi. Probabilmente quella fortissima sensazione di riduzione ai minimi termini ha originato questo lavoro.”

I concerti milanesi saranno la degna chiusura di questo tour, iniziato in primavera negli Stati Uniti, proseguito in estate in Italia nei teatri storici e infine, in autunno, con una serie di date nel Regno Unito e nelle più importanti città d’Europa.