L'Ue ha approvato il vaccino di Moderna

·1 minuto per la lettura

AGI - L'Agenzia europea per il farmaco (Ema) "ha raccomandato di concedere un'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata del vaccino contro il Covid di Moderna. Lo scrive l'Ema in una nota che così da il via libera a un secondo vaccino contro il coronavirus.

Il comitato per i farmaci per uso umano (Chmp) dell'Ema ha valutato accuratamente i dati sulla qualità, sicurezza ed efficacia del vaccino e ha raccomandato per consenso la concessione di un'autorizzazione all'immissione in commercio condizionale formale da parte della Commissione europea. Ciò garantirà ai cittadini dell'Ue che il vaccino soddisfa gli standard dell'Ue e mette in atto le salvaguardie, i controlli e gli obblighi per sostenere le campagne di vaccinazione a livello dell'Ue". 

Come funziona il vaccino di Moderna

A differenza della maggior parte dei vaccini "classici", che prevedono la somministrazione di parti inattivate del virus, questo sviluppato da Moderna si basa sulla tecnologia ad mRNA. Un altro farmaco che segue la stessa direzione, ad esempio, è quello di Pfizer.

L'approccio consiste nell'iniettare all'interno del corpo degli mRNA, ossia microparticelle di Rna cosiddetto "messaggero" nelle cellule, in grado di insegnare all'organismo a produrre le difese necessarie. In questo caso mRNA-1273, una porzione della proteina virale spike di superficie.

 L'organismo in questo modo è indotto a produrre da solo la risposta immunitaria alla spike, ossia all'"uncino" che consente al virus di attaccarsi alle cellule e iniziare la sua opera distruttiva. Senza bisogno di insegnare al nostro sistema immunitario a combattere il virus nel suo insieme, ma solo a combattere, appunto, la cruciale proteina spike.