L'ufologa Bittarello: "Chiara volontà Usa di tenere segrete informazioni realmente sensibili"

·2 minuto per la lettura

"Dalle dichiarazioni di Barack Obama al Late Show degli scorsi giorni risulta ovvia la volontà da parte degli Stati Uniti anche tramite l’ex Presidente in carica sino al 2016, e legato ovviamente a vincoli di assoluta segretezza nelle sue uscite pubbliche, di tenere segretate le informazioni realmente sensibili sugli Ufo per gettare letteralmente in pasto ai media e all’opinione pubblica invece 'una disclosure improvvisa e forzosa' sugli Uap (Unidentified Aerial Phenomenon) che per il Pentagono ufficialmente potrebbero voler indicare in realtà solo 'droni nemici ovvero Uav e non Ufo'". Lo dice all'Adnkronos la nota ufologa Francesca Bittarello, autrice del libro 'Ufo gli archivi inediti', commentando le più recenti dichiarazioni dell'ex presidente statunitense Barack Obama.

"Nell’analisi dell’improvvisa disclorure made in Usa -osserva Bittarello, che sta organizzando per il 4 luglio l'atteso Convegno di ufologia Città di Pomezia- va tenuto conto di un punto basilare che non deve mai essere scordato quando si analizzano le dichiarazioni del Pentagono o personaggi a esso legati, ovvero che le caratteristiche aerodinamiche degli Uap filmati sono ai limiti della fantascienza e lontani da ogni tecnologia ad oggi conosciuta e creata dall’uomo e per questo motivo l’ammissione della loro esistenza, se fossero realmente Uav -Unmanned aerial vehicle- nemici starebbe a indicare la reale sconfitta di tutto il sistema americano con la sua intelligence in primis e rappresenterebbe la debacle clamorosa, la sconfitta per la prima potenza economìca mondiale perché ammettere che gli Uap presenti nei filmati della Marina Militare americana sono in realtà Uav Unmanned aerial vehicle nemici è come ammettere pubblicamente che le potenze mondiali antagoniste agli Usa, in primis Russia e Cina, posseggono una tecnologia talmente avanzata e sconosciuta che potrebbero vincere qualsiasi futura guerra mondiale e lo scacchiere geopolitico e geostrategico mondiale che gli Usa tengono in equilibrio come prima potenza mondiale economica e militare starebbe cambiando".

"Per tale motivo -conclude Bittarello- non dobbiamo sottovalutare due scenari pro Usa ovvero che gli Uap in realtà potrebbero essere Ufo con una tecnologia ben conosciuta agli americani oppure potrebbero essere degli Uav creati dagli americani stessi. La verità è tra queste due ipotesi escludo a priori un Uav nemico che indisturbato spia la più grande potenza mondiale e che questa ultima decida in ultimo di ammetterlo pubblicamente".