Luigi Di Maio: “Beppe Grillo e Conte mi hanno sparato alle spalle”

luigi di maio

Un retroscena di Il Giornale ha fatto emergere un Luigi Di Maio imbronciato in aula a fianco di Giuseppe Conte. Il capo politico di M5s, infatti, secondo Augusto Minzolini, si sarebbe sentito un peso addosso che necessitava delle scuse verso i suoi. Di Maio avrebbe chiesto “venia per non aver strappato al Pd ciò che doveva”. Ma nella trattativa con i dem sarebbe stato lui la vera vittima: “Nel momento più fatidico, Grillo e Conte mi hanno sparato alle spalle” ha riferito. Ciò che però non gli si può non ammirare è di aver inserito nel nuovo esecutivo alcuni fedelissimi: Fraccaro come sottosegretario alla Presidenza del Consiglio e Patuanelli al Mise. Qualcosa forse è riuscito a deciderlo.

Di Maio e Conte, il sottosegretario

Il governo Conte bis ha incassato la fiducia sia alla Camera sia al Senato e si avvia ora verso la trattativa per la scelta del sottosegretario alla Presidenza. Mentre Luigi Di Maio tenta una pressione su Fraccaro, Giuseppe Conte fa le sue ultime considerazioni. Il Pd e Il Movimento hanno le loro anime all’interno e i continui bisticci tra i partiti potrebbero nascondere la voglio di occupare posizioni di rilievo a palazzo. Il premier conta su Roberto Chieppa, il segretario di palazzo Chigi, ma “per capire cosa succederà tra Conte e Di Maio bisogna stare attenti alle deleghe che il premier affiderà e a chi deciderà di darle” sostiene una fonte. Grillo, invece, poco soddisfatto dei banchi di governo, con i suoi post su Facebook cerca di sminuire il capo politico. Altri esponenti M5s, infine, dichiarano: “Siamo alla finestra, non sappiamo cosa succederà”.