L’ultima foresta originaria della pianura padana resiste con le regole del Duecento (di F. Marzano)

Carlo Renda
·Vicedirettore HuffPost
·2 minuto per la lettura
Bosco Trino Vercellese (Photo: Huffpost Italy)
Bosco Trino Vercellese (Photo: Huffpost Italy)

(di Fabio Marzano)

Il legno è una risorsa rinnovabile ma bisogna saperla governare. Le foreste della pianura padana da secoli sono state sostituite con superfici agricole o nuove aree urbane. Tanto che chi lavora il legno da queste parti è obbligato ad acquistarlo all’estero. Ma c’è una zattera in questo mare di risaie e cemento dove il bosco resiste. E il 25 novembre, come sempre dal XIII secolo, saranno estratti a sorte gli alberi che si possono tagliare. Sembra un controsenso ma non lo è perché così si è preservata l’ultima foresta autoctona della pianura padana (le piante esotiche vengono eliminate). D’altra parte aggiudicarsi questa risorsa così rara, e a chilometro zero, è ancora una questione di fortuna o di genealogia nel Bosco delle sorti della Partecipanza, un’area verde di 600 ettari nel comune di Trino Vercellese in Piemonte.

Ogni anno, e solo in una porzione, si preleva una quantità minima di alberi seguendo un regolamento medioevale che risale al XIII secolo, quando il marchese del Monferrato affidò la gestione della foresta a circa mille famiglie della comunità. Da allora, per preservare il bosco che era risorsa primaria di sopravvivenza, si prende solo una minima parte degli alberi: vengono estratti a sorte con il metodo della lotteria e su turni di rotazione predefiniti di 15 anni. Il collettivo che amministra il bosco si chiama appunto Partecipanza, un termine antico che indica una sorta di gestione protosocialista. Anche se il lignaggio conta perché al gioco, se così possiamo chiamarlo, sono ammessi solo i discendenti di quelle prime famiglie che si tramandano la proprietà indivisa del bosco da padre in figlio.

Oggi sono un centinaio quelle ancora interessate e in genere la raccolta di legna non supera i due terzi dell’incremento annuo naturale del Bosco, circa duemila metri cubi, dei quali l′85 ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.