L'ultimo mistero di Leonardo? E' nel Dna. Un gruppo di scienziati a caccia dei suoi geni

·2 minuto per la lettura
autoritratto
autoritratto

Chi sono i pronipoti di Leonardo Da Vinci? Portano ancora i suoi geni? Studiandoli, sarebbe possibile far luce sulla genialità dell'italiano più famoso di tutti i tempi, le cui opere e intuizioni stupiscono ancora oggi? La caccia al Dna è partita da tempo e proprio in questi giorni ha fatto un balzo in avanti grazie al nuovo e più completo albero genealogico della sua famiglia: frutto di decenni di ricerche documentali, ricostruisce di padre in figlio 21 generazioni, dal 1331 a oggi, e identifica ben 14 discendenti in linea diretta maschile attualmente viventi, di cui 13 finora sconosciuti. 

GUARDA ANCHE IL VIDEO: "Salvator Mundi": nuovo documentario e nuove polemiche

LEGGI ANCHE: Leonardo, il giallo non è solo la Gioconda: i misteri sul pittore e sui quadri

"Nel 2016 avevamo già individuato 35 discendenti viventi di Leonardo, ma erano per lo più indiretti, frutto di parentele parallele anche in linea femminile, come nel caso più noto del regista Franco Zeffirelli: dunque non erano persone che potevano darci informazioni utili sul Dna di Leonardo e in particolare sul cromosoma Y, che viene trasmesso ai discendenti maschi e rimane quasi invariato per 25 generazioni", spiega Alessandro Vezzosi, fondatore del Museo Ideale Leonardo da Vinci. 

LEGGI ANCHE: Caterina da Cremona, storia e identità della musa di Leonardo

La svolta potrebbe arrivare ora dai nuovi discendenti diretti in linea maschile, derivanti dal padre ser Piero e dal fratellastro Domenico, e attualmente in vita: "hanno un'età compresa tra 1 e 85 anni, vivono non proprio a Vinci, ma in Comuni limitrofi fino alla Versilia e fanno mestieri comuni, come l'impiegato, il geometra, l'artigiano", precisa Vezzosi. 

GUARDA ANCHE IL VIDEO: L'omaggio di Marco Di Noia al grande Leonardo da Vinci

LEGGI ANCHE: Leonardo, gaffe nella serie tv? 'Sono contrariata'. Ecco cosa non hanno mostrato

Il loro Dna sarà analizzato nei prossimi mesi per contribuire alle ricerche della task force internazionale "The Leonardo Da Vinci DNA Project", presieduta da Jesse Ausubel della Rockefeller University di New York e sostenuta dalla Fondazione Richard Lounsbery. Il progetto coinvolge il J. Craig Venter Institute di La Jolla, in California, e diverse altre università e centri di ricerca di alto profilo, tra cui il Dipartimento di Biologia dell'Università di Firenze diretto da David Caramelli. 

LEGGI ANCHE: Leonardo da Disney

GUARDA ANCHE IL VIDEO: L'Uomo Vitruviano nasconde un segreto da secoli: cosa si cela nello sguardo

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli