L'ultimo saluto a Chiara Meoni, morta a causa di un male incurabile

·2 minuto per la lettura
chiara meoni
chiara meoni

Si è tenuto a Castiglion Fiorentino l’ultimo saluto a Chiara Meoni, la giovane di appena 18 anni morta a causa di una malattia contro cui ha combattuto fino alla fine.

Morta Chiara Meoni, l’ultimo saluto

Dall’oratorio del Rivaio, la chiesa dove solo quattro anni fa Chiara Meoni aveva ricevuto la Cresima, volano palloncini bianchi. Per l’ultimo saluto alla giovane, morta a causa di un male incurabile, ci sono tante lacrime e dolore. Come quello della mamma Elena, che fissa la bara ancora incredula per la tragica sorte che il destino ha riservato a sua figlia. “Un figlio cresce con te, lo porti in pancia nove mesi e pensi che sarà lui a portarti al cimitero e invece…” sono le parole di una mamma a cui la figlia è stata portata via troppo presto.

Chiara Meoni, l’addio alla figlia del re della Dakar

Tutta la comunità di Castiglion Fiorentino si è riunita per salutare Chiara Meoni, figlia di Fabrizio, il re della Dakar. Chiara aveva due anni quando ha perso il padre: era l’11 gennaio 2005 e Fabrizio Meoni correva la sua ultima Dakar. Poi la malattia, che la ragazza ha combattuto a testa alta: sapeva di non farcela, ma ha lottato fino alla fine. E ha voluto lasciare a tutti un messaggio che certamente tutti i suoi cari non dimenticheranno. “Non mollate mai, vivete con il sorriso per raggiungere i vostri sogni. Io l’ho fatto, tenetemi d’esempio e nel cuore” aveva scritto Chiara. La frase ora è bene impressa nel cuore di tutti coloro che le volevano bene, tra cui gli amici e il fidanzato.

Addio Chiara Meoni, il saluto del fidanzato

Sono tanti coloro che hanno voluto parlare in ricordo di Chiara. Come una sua compagna di scuola: “Il 23 gennaio mi guardasti dritto negli occhi e mi dicesti: se io dovessi morire ricordati che ti ho amata tanto, Longo”. Anche Matteo, il fidanzato della giovane, ha voluto ricordarla. “Chiara, siamo sempre stati insieme; ti ringrazio per ciò che mi hai insegnato. Ti amo con tutto il cuore. Buon viaggio, Chiarissima“. E poi un rombo di moto, lo stesso di quella del papà Fabrizio, ad opera dei centauri che hanno voluto dire addio alla giovane Chiara Meoni.