Lunedì convegno “Da scuola a università” in Statale a Milano

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 4 giu. (askanews) - Integrazione dei percorsi Istituti tecnici superiori con le lauree professionalizzanti del sistema universitario, potenziamento dei laboratori con tecnologie 4.0, formazione dei docenti, sviluppo di una piattaforma digitale nazionale per offerte di lavoro, accompagnamento degli studenti nella scelta consapevole di prosecuzione del percorso di studi o di inserimento nel mondo del lavoro, formazione per gli insegnanti. Questi i temi che saranno al centro del convegno "Dalla scuola all'università: progetti e strumenti per l'orientamento" organizzato lunedì prossimo, 6 giugno, nella Sala Pio XII dell'Università Statale in via Sant'Antonio 5 a Milano.

Saranno presenti il rettore della Statale, Elio Franzini, la prorettrice alla Programmazione e presidente del Cosp in Statale, Marina Brambilla, la direttrice generale dell'Ufficio scolastico regionale per la Lombardia, Augusta Celada, e l'assessore all'Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione e Semplificazione della Regione Lombardia, Fabrizio Sala.

Il convegno intende illustrare le azioni relative alla transizione scuola-università e più in generale all'orientamento, previste sul piano nazionale, nell'ambito del Pnrr, dal ministero dell'Università e della ricerca, dal ministero dell'Istruzione e da Cisia nonché, a livello regionale, nell'ambito della collaborazione con Regione Lombardia e Ufficio scolastico regionale.

"È indispensabile superare il mismatch tra domanda e offerta di competenze. Abbiamo imprese che non trovano lavoratori e, allo stesso tempo, fenomeni di disoccupazione giovanile e abbandono scolastico" ha dichiarato Sala, aggiungendo che "in questo senso l'orientamento scolastico deve ricoprire un ruolo chiave, permettendo agli studenti di avere un approccio consapevole non solo verso il percorso di studi ma anche verso le reali opportunità di lavoro future".

"I moduli di orientamento formativo rivolti alle classi quarte e quinte della scuola secondaria, previsti dal Pnrr dovranno accompagnare gli studenti nella scelta consapevole del percorso di studi universitario o di ulteriore formazione professionalizzante (ITS), propedeutica all'inserimento nel mondo del lavoro" ha affermato Brambilla, spiegando che "è importante che gli Atenei e le scuole sappiano sfruttare al meglio questa opportunità, in termini di innalzamento degli indicatori di successo e di mitigazione dei divari di genere, per perseguire insieme l'obiettivo di una migliore occupazione e di una maggiore partecipazione all'istruzione superiore in tutti i campi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli