L'uomo si è offerto come donatore

·2 minuto per la lettura
Sala Operatoria
Sala Operatoria

Un padre ha voluto fare un dono davvero importante al proprio figlio, per salvargli la vita. Un uomo di 82 anni di Saronno ha donato un rene al figlio, affetto da una glomerulonefrite in peggioramento. Il figlio, di 53 anni, rischiava la dialisi ma il padre gli ha salvato la vita.

Padre dona rene al figlio

I medici avevano messo il 53enne in lista per un trapianto, ma avrebbe potuto dover aspettare per anni. Il padre di 82 anni, molto determinato, ha deciso di scavalcare la lista delle donazioni, per offrirsi lui stesso come donatore. I medici hanno riscontrato che l’uomo era molto in forma, ma la sua età avanzata era troppo delicata per tentare un trapianto. Lui ha deciso di farlo e il successo dell’operazione è un vero record per un donatore della sua età. I due sono stati mandati all’ospedale Molinette della Città della Salute al Centro trapianti renali di Torino.

I medici hanno iniziato le procedure per verificare l’idoneità, vista la buona salute dell’82enne. Un mese dopo padre e figlio sono stati ricoverati per il trapianto e i chirurgi vascolari, insieme ad urologi e anestesisti, hanno portato a termine l’intervento con grande successo. L’operazione e il post operatorio sono stati regolari sia per il padre che per il figlio, che sono già a casa a condurre una vita regolare. Sempre più spesso i medici procedono con donazioni da persone ancora vive. L’esperienza sta aumentando con successo e molti si rivolgono ai centri specializzati per avere dei consigli e dei pareri. i donatori vengono sottoposti ad esami particolarmente attenti prima di procedere con il trapianto. L’età non è un limite, ma ovviamente il rischio aumenta con l’età anagrafica di chi si sottopone all’operazione. L’uomo di 82anni ha potuto donare grazie alle sue condizioni ottimali di salute, che gli hanno permesso di andare in sala operatoria senza rischi e di tornare subito alla sua vita normale.