L'uragano Ida si rafforza a categoria 4 con venti a 200 km. orari, Louisiana in allerta

·1 minuto per la lettura

AGI - L'uragano Ida che viaggia verso le coste della Lousiana, nel Sud degli Stati Uniti, si è rafforzato ed è stato aggiornato a categoria 4, con venti che hanno raggiunto i 209 chilometri all'ora. 

Con le attività commerciali barricate con assi di legno e sacchi di sabbia, i residenti di New Orleans, la città più grande dello Stato, stanno seguendo le istruzioni delle autorità, evacuando o barricando le loro case, mentre l'arrivo di Ida fa temere danni catastrofici.

"L'uragano Ida continua a rafforzarsi ora è un pericoloso uragano di categoria 4", ha scritto l'American Hurricane Center (Nhc) sul suo sito web. L'ultimo aggiornamento, rivelatosi corretto, prevedeva che Ida avrebbe continuato "nelle prossime 12 ore il rapido rafforzamento e che sarà un uragano estremamente pericoloso quando atterrerà sulla costa della Louisiana questo pomeriggio".

L'aeroporto internazionale di New Orleans ha cancellato tutti i voli in partenza e in arrivo previsti nella giornata di domenica. 

"Tra gli uragani più forti dal 1850"

I meteorologi si aspettano che Ida arrivi a Sud di New Orleans intorno a mezzogiorno di domenica ora locale, le 19 in Italia. Il governatore John Bel Edwards ha avvertito che "sarà uno degli uragani più forti a colpire la Louisiana almeno dal 1850". Anche il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha lanciato un appello: "Fate attenzione e siate preparati". 

La paura, insomma, torna a farsi sentire dopo le devastazioni portate 16 anni fa dall'uragano Katrina. Il presidente Biden ha firmato lo stato di emergenza per la Louisiana in modo da poter fornire "fondi federali supplementari" nelle mani della autorità locali per far fronte immediatamente ai disagi che Ida potrebbe creare in un nuovo weekend di paura. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli