Luttwak: "Prodi lavora per i cinesi"

·1 minuto per la lettura

"L'unico posto in Occidente dove i cinesi hanno una grande influenza sociale è l'Italia". Edward Luttwak torna sull'argomento dei rapporti a suo giudizio sbilanciati tra Cina e Italia, intervenendo ad un seminario organizzato dalla Luiss Business School. La "propaganda" cinese, dice il politologo statunitense, può contare su "gente come Prodi, che in Cina vende milioni di libri, D'Alema, Tria, Giancarlo Elia Valori: tutti vanno in televisione a inneggiare alla Cina". Su Prodi, in particolare, si sofferma Luttwak: "Romano Prodi lavora per i cinesi. Trovami un altro ex primo ministro che lavora per i cinesi", chiede alla platea.

Il politologo Usa illustra alla platea le basi della cosiddetta "geoeconomia", termine coniato da lui stesso, per spiegare come dopo la fine della Guerra Fredda e del confronto tra Usa e Urss, varie nazioni, a cominciare dal Giappone, "hanno iniziato ad usare la logica della guerra con i metodi del commercio".

La prima ondata di geoeconomia - spiega Luttwak - è fallita e la seconda ondata, che è soprattutto cinese, fallirà anch'essa". La "propaganda cinese", ripete, "è fatta da un'aspettativa occidentale, dal pensare che poiché i cinesi sanno produrre molto bene cose ordinarie, si pensa che possano produrre anche altre cose". Ma, sostiene Luttwak, "certe cose non le sanno fare, eppure questa illusione continua".

Il politologo prende ad esempio gli annunci di Pechino sui grandi progressi che avrebbero fatto nel campo dell'Intelligenza Artificiale. In realtà, dice Luttwak, "sono 15 o 20 anni indietro". Lo stesso vale per il recente annuncio cinese dello sviluppo di un missile ipersonico. "E' una tecnologia del 1969", alla quale lavoravano già Usa e Unione Sovietica, dice, "è inutile".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli