2 / 12

Storia breve dei Mötley Crüe

Attivi fino al 2015, hanno venduto più di cento milioni di dischi, ottenendo inoltre ventidue dischi di platino e dieci dischi d’oro. Ma non è solo questo che li ha resi impareggiabili: più che altro sono le storie assurde dei componenti della band ad aver dato loro una celebrità enorme. (foto: Getty Images)

Mötley Crüe, il film sulla loro carriera esce su Netflix con il titolo 'The Dirt'

Il 22 marzo 2019 esce su Netflix il film The Dirt, diretto da Jeff Tremaine: ripercorre con nuovi attori la carriera di uno dei più celebri gruppi rock e metal della storia: i Mötley Crüe.

Attivi fino al 2015, hanno venduto più di cento milioni di dischi, ottenendo inoltre ventidue dischi di platino e dieci dischi d’oro. Ma non è solo questo che li ha resi impareggiabili: più che altro sono le storie dei componenti della band, appese al filo spinato della droga, dell’alcolismo, della delinquenza e di una generica quanto imprevedibile follia, ad aver dato loro una celebrità enorme.

Se Tommy Lee è anche il più famoso per il suo matrimonio con Pamela Anderson, anche gli altri membri della band Vince Neil, Nikki Sixx e Mick Mars non hanno avuto vite normali. Anzi. E nel biopic tutto questo non sarà nascosto, al punto che i 108 minuti della pellicola potrebbero risultare un tantino estremi al pubblico minore di 18 anni.

A quanto pare i membri della band hanno pianto, riguardando alcune scene del film. E questo ovviamente è un buon segno sulla riuscita e sul realismo dello stesso, in un periodo che gira bene per i biopic visto l’enorme successo di Bohemian Rhapsody (dedicato a Freddie Mercury e ai Queen)

C’è tutto il meglio e il peggio della band: come la battaglia di Mick Mars con una malattia alle ossa, l’incidente d’auto che ha ucciso il batterista degli Hanoi Rocks Nicholas “Razzle” Dingley e mandato Vince Neil in prigione, l’overdose di eroina di Nikki Sixx, la morte della figlia di Vince per un tumore. E gli attori? Douglas Booth è Nikki Sixx, Machine Gun Kelly è Tommy Lee, Iwan Rheon è Mick Mars e Daniel Webber è Vince Neil. La band si è divertita così tanto per il film dedicato che è tornata in studio a registrare alcuni pezzi per la colonna sonora; di un ritorno alle scene non si parla davvero, ma chissà, potrebbe esserci un’altra sorpresa nella vita incredibile dei quattro losangelini.